Articoli

36th Primo Cup - Trophée Credit Suisse

20200130 54Six classes set for 36th edition
J/70, Smeralda 888, Longtze Premier, Melges 20 and L30 competing, plus exhibition fleet of the flying dinghy - Onefly
Monaco, 29th January 2020 – The tradition continues in the Principality as the clock ticks down to the 36th Primo Cup, for the Credit Suisse Trophy and Slam garments, organised by the Yacht Club de Monaco. A meeting par excellence for one-designs, the regatta has been held every February since 1985, the month it was launched at the instigation of YCM President HSH Prince Albert II.
This year again the profile of classes and competitors points to this being a regatta of a level that will live up to expectations with some 450 sailors expected. Primo Cup regulars will be there, the Smeralda 888s, Melges 20s and a big fleet of J/70s with several Nordic teams who have based themselves in the Principality for the winter for the Monaco Sportsboat Winter Series of monthly regattas from October to March.
It's a larger fleet due to the fact Monaco is hosting the World Championship for this class from 18-23 October 2021, a deadline attracting international teams like the Americans on Team Newport Harbor and the British on Redshift. The latter will have Hannah Diamond onboard who recently cut her teeth on the Volvo Ocean Race after years in dinghy classes, notably the Nacra 17 in which she won the European Vice-Champion title in 2013. Alongside will be the Longtze Premier, a 7m keelboat developed by the team on Le Défi at the America's Cup in 2007 and which has spread rapidly in Europe.
L30: Newcomers to a regatta with tradition
Last but not least is a newcomer to the Primo Cup – Trophée Credit Suisse, the L30, recently selected as the class for the first offshore World Championship in Malta to be held this October. This is a truly international new class, judging by the list of nations already signed up including Japan, Ukraine, South Korea, Belgium and France. The 30-foot keelboat was developed by Rodion Luka, the Ukrainian Olympic medallist and contestant in the 2008-2009 Volvo Ocean Race, in collaboration with RC44 designer, Andrej Justin. The new Offshore event should be at the 2024 Paris Olympics as mixed doubles, although this has yet to be confirmed. Unlike the double-hander racing at the Games, the Primo Cup – Trophée Credit Suisse will be a team event for this class.
Onefly set to take off in Monaco
The arrival of a fleet of Onefly dinghies, a winged and foiled one-design, completes an already well orchestrated spectacle. These flying dinghies have the features required to allow them to be sailed in all weather conditions. The YCM is expecting around a dozen on the water for Saturday 8th and Sunday 9th February for exhibition phases and test runs.
3 questions for Bernard d'Alessandri, Yacht Club de Monaco's General Secretary:
This is the 36th edition of Primo Cup-Trophée Credit Suisse. What's the secret to its success?
Bernard d'Alessandri: I think it is important to retain the loyalty of the favourite one-design classes while being open to newcomers. This year for example, alongside Primo Cup regulars like the Smeralda 888, J/70, etc., we are hosting the L30s, the boat selected for the first offshore World Championship to be held this October. We are also opening our race area to the Onefly, a foiling dinghy that really flies. The idea is always to be on top of new developments, be aware of what's new and adapt.
What is Monaco's strength as a destination?
Bernard d'Alessandri: Between the sea and the mountains (we're just an hour and a half from the ski slopes), it is an exceptional setting with conditions that vary hugely and challenge all the qualities of a good sailor. That's not to forget the facilities we have in the Clubhouse, inaugurated in 2014, which is ideal for hosting crews and organising high-level regattas. All these advantages attract many international teams who decide to come to Monaco to sail, as evidenced by the success of the Monaco Sportsboat Winter Series, now in its seventh season from October to March and also organised by us.
With a regatta every month, the Yacht Club de Monaco is very active in sport?
Bernard d'Alessandri: Yes indeed, the Yacht Club is actually a key player in the Principality. As part of our public service role, one of our missions is to promote the Principality of Monaco through all our nautical activities. That's why we are organising the Laser Master European Championship (3-9 April 2020) then the World Championship for the J/70s (18-23 October 2021) which is a very dynamic, popular class in the Principality.
But we are not just active on the sailing scene as our vision is also to participate in forging the yachting of tomorrow. With this in mind, we are currently building a zero emission committee boat, as well as encouraging any initiatives to develop eco-responsible propulsion systems for boats at the Monaco Solar & Energy Boat Challenge (1-4 July 2020).

Programme 36th Primo Cup – Trophée Credit Suisse (subject to change)
Thursday 6th February 2020: 2.30pm: Practice Race
Friday 7th February 2020: 12 noon: Racing
Saturday 8th February 2020: 11.00am: Racing
Sunday 9th February 2020: 11.00am: Racing followed by prize-giving

Registrations are open and the Notice of Race for the 36th Primo Cup is available on the YCM website: https://www.yacht-club-monaco.mc/fr/evenements/20-19/primo-cup-trophee-credit-suisse/

Al via il 7° Convegno sulle barche d’epoca

20200120 01La costruzione dal vivo della polena, i quadri di marina, le vele di Nave Vespucci, la visita al Piroscafo e i restauri di scafi storici.

Per un giorno la città di Varese sarà nuovamente ‘capitale’ nazionale della nautica d’epoca. Sabato 25 gennaio 2020 il Palace Grand Hotel della città lombarda tornerà infatti ad ospitare “Tra Legno e Acqua”, settima edizione del più importante convegno italiano dedicato al recupero e alla valorizzazione delle imbarcazioni d’epoca e storiche, organizzato dall’Associazione Vele d’Epoca Verbano con il contributo della Regione Lombardia. Posti limitati e partecipazione aperta a tutti previa iscrizione online.

LE NOVITÀ DEL 7° CONVEGNO SULLE BARCHE STORICHE

Davide Holzknecht è un giovane e apprezzato artista scultore valtellinese che intaglierà in diretta quella che sarà la nuova polena in legno di tiglio della goletta Pandora, un veliero lungo quasi 30 metri navigante nel Mar Tirreno. Nel corso della giornata, tra colpi di mazzuolo e scalpello, i partecipanti potranno ammirare le opere pittoriche di marine-painter professionisti come la genovese Emanuela Tenti e il milanese Sandro Feruglio, prenotarsi per una visita guidata a bordo del Piroscafo Concordia, acquistare libri di mare presso i banchi dell’editore Mursia e soprattutto assistere alle 10 relazioni in programma. Tutto questo avverrà il prossimo sabato 25 gennaio 2020 presso il Palace Grand Hotel di Varese in occasione di “Tra Legno e Acqua”, il più importante Convegno Nazionale sul Recupero e la Valorizzazione delle Imbarcazioni d’Epoca e Storiche organizzato annualmente dall’AVEV, Associazione Vele d’Epoca Verbano, con il contributo della Regione Lombardia. La partecipazione è aperta a tutti, ma i posti sono limitati ed è richiesta l’iscrizione online al seguente link https://www.veledepocaverbano.com/tra-legno-ed-acqua-2020/. Ogni partecipante riceverà un kit congressuale, la colazione a buffet, il coffee break e il pranzo al tavolo presso il Ristorante del Palace Grand Hotel.

LA MARINERIA NAZIONALE … IN CIMA ALLA COLLINA

L’evento si svolgerà dalle 9 alle 18 presso il Palace Grand Hotel di Varese, splendido edificio in stile Liberty posto in cima alla collina dalla quale domina il Lago di Varese, a soli 40 minuti da Milano e a poca distanza dalla Svizzera e dai Laghi Maggiore e di Como. Per chi desiderasse arrivare un giorno prima è attiva una convenzione con il Palace (60 euro la singola, 75 euro la doppia). Sponsor dell’evento la Veleria Zaoli Sails, Cantiere Ernesto Riva, Casa Editrice Mursia, Cromatura Cassanese, Studio Giallo & Co., Agricole Gussalli Beretta. Patrocinatori del convegno saranno l’Università degli Studi di Genova, l’Associazione Musei Marittimi del Mediterraneo, Yacht Club Italiano, FAI Fondo Ambiente Italiano, FIBaS Federazione Italiana Barche Storiche, VSV Vele Storiche Viareggio, AIVE Associazione Italiana Vele d’Epoca, ASDEC Associazione Scafi d’Epoca e Classici, Gestione Navigazione Laghi, ISTIAEN Istituto Italiano di Archeologia e Etnologia Navale.

LE VELE DELL’AMERIGO VESPUCCI

Sapevate che per realizzare i 2.650 metri quadrati delle 24 vele della nave scuola Amerigo Vespucci della Marina Militare, del peso di oltre 5.000 chilogrammi, sono stati necessari 6.624 metri di tessuto di lino e quasi 80.000 metri di filo cerato per le cuciture a mano?

Oppure che per stabilire la datazione di un vecchio scafo in legno è possibile avvalersi di un esame cosiddetto ‘dendrocronologico’?

O ancora che un piccolo scafo costruito 130 anni fa ha coperto in 60 giorni le 1700 miglia del periplo dell’Italia da Sanremo a Trieste sostando in 53 porti diversi?

E che il Piroscafo Concordia, lungo 53 metri, da oltre 90 anni continua a svolgere l’attività di trasporto passeggeri sul Lago di Como, dove è stato costruito?

Proprio la mattina di domenica 26 gennaio ai partecipanti al convegno verrà offerta la possibilità di ritrovarsi a Tavernola, località del Lago di Como accanto a Cernobbio, per una visita gratuita e guidata a bordo del “Concordia”. Queste e altre curiosità verranno descritte e raccontate in occasione del convegno di Varese, divenuto in sole sette edizioni un irrinunciabile momento di ritrovo e confronto per tutti gli appassionati di nautica storica.    

INFORMAZIONI 

www.veledepocaverbano.com 

Paolo Sivelli – Direttore Esecutivo AVEV – Mob. +39 347 0124861 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

UFFICIO STAMPA

Paolo Maccione - Sandro Bagno

AVEV – Associazione Vele d’Epoca Verbano

L’Associazione Vele d’Epoca Verbano è nata nel 2013 con lo scopo di promuovere e tutelare le imbarcazioni storiche che navigano sul Lago Maggiore. Numerose le iniziative organizzate fino ad oggi, dalla “Verbano Classic Regatta” al progetto di un museo-raccolta delle barche tradizionali del Lago Maggiore, dalla rinascita della “Coppa dei Laghi”, storico trofeo velico risalente al 1887, alla navigazione itinerante denominata “Vagabondi del Lago”. Nel 2016 sono stati la prima delegazione italiana ad avere accolto l’invito di partecipare, con 5 barche in rappresentanza della marineria italiana, al Festival Marittimo di Brest, il più importante del mondo. Sono seguite le spedizioni alla Settimana del Golfo di Morbihan (Francia) e ai festival marittimi di Stari Grad (Croazia) e Sète (Francia). Tra le varie iniziative la nascita della Traditional Sailing Academy, la scuola di vela a bordo di barche con armi classici e tradizionali, e il Corso di Restauro di Imbarcazioni in Legno svolto presso il cantiere dell’associazione in località Cellina (VA). Qui sono in fase di recupero scafi come il cutter inglese Tinka del 1951 e un modello di Light Crest del 1965 progettato da German Frers. L’attuale presidente AVEV è il varesino Alessandro Corti.

Le "eco barche" delle universita' correranno a Gargnano sul Garda

20200120 02GARGNANO – La Centomiglia velica e il suo Club continuano a studiare all'Università. Quest'anno toccherà al Campionato Internazionale di "1001 Vela Cup" con le carene in materiali eco-compatibili progettate, costruite e condotte dagli studenti di mezza Europa.

L'appuntamento sarà dal 24 al 27 settembre, appena dopo i "70 Anni della Centomiglia" e la Childrewindcup.  E' una collaborazione con gli Atenei che prosegue.

L'anno scorso c'è stato l'Work shop di giornalismo sportivo con il Dams della Cattolica di Brescia. A questo lavoro si è ripetuta l'esperienza di alternanza scuola lavoro con Garda Uno Lab. L'anno prima c'era stata la tesi di Anna Carlotta Bonomi, studentessa allo Iulm di Milano, che in un suo lavoro elaborava la storia, l’impatto sul territorio, le ricadute in ambito turistico e diportistico della regata regina del lago di Garda.

La “tesina”, tutta in lingua inglese, ripercorre la tappe delle varie edizioni, l’evoluzione tecnica, il coinvolgimento di tutto quanto il territorio delle rive lacustri, la sue tre Regioni, la passione per lo sport velico che fa del Garda una palestra inimitabile ed un campo di gara tra i più amati dai velisti di tutto il Mondo.

Leggi tutto: Le "eco barche" delle universita' correranno a Gargnano sul Garda

7th Monaco Sportsboat Winter Series

Act III: 16-19 January 2020: J/70

Brutus pips Arttube to the post 

20200120 05Sunday 19th January 2020 - It took one small point to clinch victory, as Act 3 of the Monaco Sportsboat Winter Series went down to the wire. Organised by the Yacht Club de Monaco, in collaboration with clothing supplier SLAM, at the instigation of Valentin Zavadnikov, these monthly regattas have for the last seven years put on a fine show in Monaco’s bay.  

The 45 teams of 13 nationalities who had made the trip were not disappointed, with five races completed in optimal conditions ranging from a 5-12 knot westerly, ending on a 10-14 knot easterly.  For the 180 sailors it was another opportunity to experience the race area that is set to host the J/70 World Championship in October 2021. A dress rehearsal which drew international competitors like the Corinthian team from the Seattle Yacht Club, as well as 11 Nordic teams including four from Sweden, one from Finland and one from Denmark.

Champions in the making
The  Russians on Arttube led by the talented Valeriya Kovalenko pulled out all the stops in an attempt to snatch victory, but two race wins and a 2nd were not enough to dethrone Charles Thompson’s men on Brutus. They may be in the Corinthian (amateur) category but proved they have what it takes at the highest level. Impeccable from start to finish the English Royal Southern Yacht Club team kept up the pressure throughout the three days, showing remarkable consistency: 2nd, 2nd, 4th, 3rd and 5th.

It was the Danes on Upupup who grabbed 3rd to complete the podium, equal on points with Giangiacomo Serena di Lapigio (G Spottino) from the Yacht Club de Monaco.

Among the Monegasque entrants, Junda led by Ludovico Fassitelli fought hard to stay in contact with the leaders, but were foiled by a 19th place and finished 6th overall.

It’s not over yet
This weekend’s win was enough to propel Brutus to the top of the provisional ranking for the Winter Series with 43 points under their belts after 15 races. Junda, who had led the fleet after the first two Acts, is not finished yet and lies in 2nd place.  Winners in 2017 and 2018, Arttube have their sights set on a triple, and their 2nd place this weekend takes them onto the third step of the provisional podium after three Acts. 

All eyes are now on the 36th Primo Cup-Trophée Credit Suisse which is on 6-9 February 2020 in Monaco. Queen of the one-design events this year six classes will be in contention: L30, Longtze Premier, H22, Smeralda 888, Melges 20 and J/70.

Act 3 ranking – Monaco Sportsboat Winter Series
1st: Charles Thompson (Brutus) – 11 pts
2nd: Valeryia Kovalenko (Arttube) – 12 pts
3rd: Bo Bøje Pedersen (Upupup) – 28 pts
4th: Giangiacomo Serena di Lapigio (G Spottino) – 28 pts

Results: www.ycm.org

 

7e Monaco Sportsboat Winter Series

Acte III : 16-19 janvier 2020 : J/70

Brutus s’impose sur le fil 

Dimanche 19 janvier 2020. La victoire tient parfois à peu de chose. Ici, elle se résume à un petit point au classement général final. Le suspens a donc été total jusqu’au dernier bord de ce troisième acte des Monaco Sportsboat Winter Series. Organisées par le Yacht Club de Monaco sous l’impulsion de Valentin Zavadnikov, en collaboration avec l’équipementier SLAM, ces régates assurent depuis 7 ans maintenant un spectacle de qualité en baie monégasque.

Les 45 équipages de 13 nationalités en lice n’ont d’ailleurs pas été déçus de leur venue en Principauté avec 5 manches disputées dans des conditions optimales allant de 5 à 12 nœuds d’Ouest pour terminer par 10 à 15 nœuds d’Est. Les 180 concurrents ont eu une nouvelle fois l’occasion de s’affronter sur le plan d’eau choisi pour accueillir le Championnat du Monde de la Classe en octobre 2021. Une répétition grandeur nature qui attire des compétiteurs internationaux tels que ceux du Corinthian Yacht Club of Seattle. 11 équipages nordiques avaient également fait le déplacement, dont quatre venant de Suède, un de Finlande et un du Danemark.

L’aisance des champions

Les Russes d’Arttube menés par la talentueuse Valeriya Kovalenko, ont mis tout en œuvre pour décrocher la victoire finale. Deux manches de premiers et une de deuxième n’auront malheureusement pas suffi pour venir détrôner Brutus mené par Charles Thompson. L’équipage a beau être inscrit dans la catégorie corinthiens (amateurs), il prouve au gré des rendez-vous sa capacité à venir flirter avec le plus haut niveau. Impeccable de bout en bout, la formation britannique venant du Royal Southern Yacht Club n’a pas relâché la pression tout au long des trois jours de course en témoigne ses résultats : 2e, 2e, 4e, 3e et 5e. Sa régularité sans faille lui a ainsi ouvert la voie vers le succès.

Ce sont les Danois de Upupup qui s’emparent in extremis de la troisième place et complètent ainsi le podium à égalité de points avec Giangiacomo Serena di Lapigio (G Spottino) du Yacht Club de Monaco.

Dans le reste des rangs monégasques, Junda mené par Ludovico Fassitelli a bataillé dur pour coller au liston des leaders. Avec une manche de 19e impossible à enlever, le bateau termine 6e du rendez-vous.

Tout reste à écrire

Avec cette victoire, les Anglais de Brutus font une percée au tableau général et prennent les rênes du classement provisoire de la saison confortés par 43 points au compteur au termes de 15 manches. Junda, qui jusqu’alors menait la flotte des J/70 à l’issue des deux premiers actes, n’a pourtant pas dit son dernier mot et pointe juste derrière à la deuxième place.

Déjà vainqueur en 2017 et 2018, Arttube vise très clairement un troisième succès en Principauté. Leur deuxième place obtenue ce week-end leur permet de grignoter du terrain pour revenir sur le podium provisoire après 3 Actes. 

Les regards sont désormais tournés vers la 36e Primo Cup-Trophée Credit Suisse qui se déroulera du 6 au 9 février 2020 à Monaco. L’épreuve reine de la monotypie accueillera cette année six classes : L30, Longtze Premier, H22, Smeralda 888, Melges 20 aux côtés des incontournables J/70.

Classement Acte III – Monaco Sportsboat Winter Series

1er : Charles Thompson (Brutus) – 11 pts

2e : Valeryia Kovalenko (Arttube) – 12 pts

3e : Bo Bøje Pedersen (Upupup) – 28 pts

4e : Giangiacomo Serena di Lapigio (G Spottino) – 28 pts

 

I circoli della LegaVela riuniti a Bari

20200120 09de Felice: "Un importante momento di confronto per la definizione delle strategie per rafforzare il senso di appartenza al club"

Si terrà  sabato a Bari l’Assemblea dei club aderenti alla Lega Italiana Vela, l’associazione riconosciuta dalla FIV che si occupa della promozione di eventi sportivi che mettono al centro dell’attenzione il club e il valore del guidone sociale. Un’attività iniziata nel 2015 con 21 circoli affiliati e che in soli quattro anni è cresciuta portando il numero dei club aderenti a 42 e alla definizione di un’attività sportiva con un circuito di regate strutturato su 4 tappe a cui si è andato ad aggiungere il Campionato Italiano di Club Under 21.

Dal 2017 l’Associazione conta anche sulla disponibilità di dieci imbarcazioni monotipo J70, grazie alla partnership con la LegaVela Servizi Srl che fornisce in uso ai club associati per le regate del circuito e gli eventi della classe. L’appuntamento di sabato prossimo è un momento importante per la vita associativa della Lega Italiana Vela e ci si aspetta una partecipazione in massa dei circoli aderenti.

“L’Assemblea dei club in programma a Bari – spiega il presidente della LIV, Roberto Emanuele de Felice – rappresenta un'occasione di condivisione importante. Oltre all’approvazione dei rendiconti, dobbiamo confrontarci sul programma delle regate del 2020, condividere una visione su come deve essere strutturata l’attività sportiva per andare incontro a quelle che sono le aspettative dei circoli. Dobbiamo individuare la strategia oggi più efficace per far comprendere il reale valore della loro partecipazione alle nostre manifestazioni che rappresentano sicuramente un appuntamento sportivo agonistico, ma soprattutto un’occasione per consolidare il senso di appartenenza e il valore del club”.

Segreteria Lega Italiana Vela

tel. +39 331 7133640

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio Stampa:

Sea Media - Alessandro Mei

 

Presentata a Roma la "Garmin Marine Roma per 2" 

20200120 06513 miglia da Riva di Traiano a Lipari e ritorno. A difendere i titoli saranno Tintorel (X1),  Libertine (X2), O' Guerriero (IRC), Sir Biss (ORC) 

Roma. Si è svolta a Roma la conferenza stampa di presentazione della Garmin Marine Roma per 2 2020 ospitata, come oramai consuetudine, nelle splendide sale del Museo di San Salvatore in Lauro, messe a disposizione dal Pio Sodalizio dei Piceni.

La XXVII edizione della Transtirrenica si svolgerà sul classico percorso Riva di Traiano/Lipari/Riva di Traiano, 535 miglia di pura “adrenalina velica”, da percorrere in solitario, in doppio o in equipaggio passando, solo nella discesa verso Lipari, il cancello di Ventotene, e lasciando poi all’ispirazione tattica dei singoli equipaggio, le scelte migliori per la risalita. Alla conferenza erano presenti il presidente dell’Uvai Fabrizio Gagliardi, il presidente della FIV IV Zona Giuseppe D’Amico e Andrea Mura. Il velista sardo, già vincitore di cinque edizioni della regata in doppio e in solitario, sta lavorando per preparare la barca per questa regata: ”Non posso garantire la mia presenza al 100% - ha dichiarato – ma la mia volontà è quella di rientrare proprio alla Roma, una regata che amo, impegnativa e divertente. Se la barca sarà pronta, e spero proprio di si, la farò in solitario”.    

“C’è molto fermento quest’anno nella vela italiana - ha commentato il Presidente del Circolo Nautico Riva di Traiano Alessandro Farassino – e in un 2020 ricco di tanti appuntamenti la Roma per 2 avrà un posto particolare; apriamo la stagione della grande altura e tutte le barche migliori che partecipano al Campionato Italiano Offshore di FIV e UVAI saranno sulla linea di partenza per accaparrarsi punti importantissimi per la vittoria finale, visto i tanti punti che l’alto coefficiente assegnato a questa regata per la sua difficoltà comporta. E’ una regata tattica ed anche impegnativa dal punto di vista fisico, specialmente per chi naviga in solitario o in doppio. Il traffico marittimo nelle zone attraversate dalla regata è notevole ed è proprio per questo che, per i solitari, è obbligatorio aver partecipato ad un corso per la gestione del sonno. Ma anche quasi tutti gli equipaggi in doppio si sono adeguati volontariamente. E’ una sicurezza in più che tutti mettono prudentemente nel loro bagaglio di esperienze. Sono felice anche per il rientro in regata di Matteo Miceli e del suo Class 40 con cui aveva affrontato il suo giro del mondo in solitario senza scalo. Rimesso in ordine e tornato competitivo dopo il naufragio e il ritrovamento, quest’anno sarà sulla linea di partenza in doppio insieme a Corinna Massimi Miceli. Si ripeterà la partenza di sabato, una novità che ha funzionato e che consente anche una maggiore facilità d’accesso alla nostra “piccolina”, la Riva, che gira a Ventotene. Una regata di 218 miglia, ovvero la quarta regata italiana per lunghezza. Qui ci sarà una novità importante: la Riva non sarà solo in doppio e in equipaggio, ma sarà anche aperta ai solitari per il quali è stato istituito un nuovo Trofeo, Il Riva per 1 – Trofeo Riva di Traiano. Quest’anno avremo la collaborazione anche dal Circolo Velico 3V di Bracciano, un circolo meritorio per la competenza e la dedizione con cui segue i giovani nell’approccio alla nostra disciplina. Devo infine ringraziare la Garmin Italia che ha rinnovato la sua partnership con la Roma, confermando il suo ruolo di Title Sponsor. Abbiamo lavorato bene insieme lo scorso anno e lo faremo ancor più in futuro. I suoi prodotti per la nautica sono indispensabili per la sicurezza a bordo ed è senz’altro il partner ideale per una regata come la nostra”.

La regata 

La “Roma” parte da Riva di Traiano ed affronta dopo 110 miglia un cancello posto a Ventotene per poi doppiare Lipari lasciandola sulla sinistra. Nessun cancello previsto nella risalita. Sono ammesse imbarcazioni che navigano in solitario, in doppio e in equipaggio. Miglia totali 535

La “Riva” parte da Riva di Traiano e compie il periplo dell’isola di Ventotene che viene lasciata a dritta per rientrare verso Riva di Traiano. Le rilevazioni dei passaggi saranno effettuate a cura del Circolo Velico Ventotene, da anni impegnato anch’esso nella grande altura con la splendida regata Carthago Dilecta Est, che unisce da venti anni le due sponde del Mediterraneo, quella italiana e quella tunisina. Quest’anno per la prima volta la regata, oltre che in doppio e in equipaggio, sarà aperta anche ai solitari con in nuovo trofeo a loro dedicato, il “Riva di Traiano”.  Miglia totali 218 

Il Tracking verrà certificato dalla YBTracking con la garanzia, da parte della società inglese, di uno scostamento massimo certificato dei dati di circa 11 metri. Ogni barca potrà verificare la propria traccia e, se necessario, correggere un eventuale errore, dato che saranno anche evidenziate le zone interdette, così come potrà verificare la posizione di tutti i competitors. Uno strumento di grande trasparenza, ma anche un supporto alla navigazione oltre che come accertamento dei fatti in caso di necessità. Le zone di interdizione alla navigazione davanti a Ladispoli e Nettuno/Torre Astura da sempre sono difficili da gestire ed anche pericolose, perché  utilizzate come poligono di tiro dal Ministero della Difesa ed il tracking sarà un valido supporto. 

La piombatura 

I motori delle barche, per certificarne il mancato uso per la propulsione in avanti durante la regata, saranno piombati con un sistema di sigilli codificati con cavetto di acciaio che include un sigillo di sicurezza cedevole al suo interno.

Salvaguardare la sicurezza di Concorrenti e Barche resta sempre e comunque l'attenzione principale ipotizzando, per esempio, il recupero di un membro dell'equipaggio caduto in mare durante la notte anche a causa di immaginabili condizioni dure, dove la velocità di intervento ha particolare importanza.

Ebbene, per chi dovrà avviare il motore e mettere la marcia avanti la piombatura non sarà di nessun ostacolo perché cederà al solo inserimento della marcia in pozzetto, comportando esclusivamente la necessità, al termine dell'emergenza, del ripristino dello stato tramite il materiale dato in dotazione per queste evenienze seguendo la procedura fornita e fornendo documentazione della sostituzione con immagini e dati come richiesto.

Alle Barche resterà comunque sempre la mobilità delle marce per l'accensione in folle allo scopo di ricaricare le batterie per la strumentazione e le varie necessità, così come il poter dare un impulso in retromarcia per chi ne avesse la necessità allo scopo di chiudere le pale abbattibili dell’elica per un’ottimale idrodinamica dell'imbarcazione. 

I corsi di Safety and Survival Training  verranno effettuati nei giorni 1/2 febbraio e 29 febbraio/1° marzo presso il Centro Addestramento Soccorso e Sopravvivenza di Anzio della TECNO ITALIA SAFETY AND SURVIVAL TRAINING. Per chi dovesse solo rinnovare il certificato, sarà necessaria la frequenza alla prima delle due giornate.

Gestione del Sonno – Eventuali date per il corso per la gestione del sonno, obbligatorio per i solitari, verranno fissate con il dottor Claudio Stampi secondo necessità. 

Affidato alla Ocean Drivers, che si avvale tra gli altri della consulenza di Ambrogio Beccaria, il meteo della "Roma", con un briefing meteo prima della partenza ed aggiornamenti giornalieri tramite file grib per i regatanti.

Le iscrizioni sono già aperte ed è possibile scaricare on line il modulo, così come il bando di regata, sul sito del CNRT (www.cnrt.it

Cara Diana, ti scrivo. Lettere a un’amica degli animali... ma non solo

20191213 08Dalla “Posta di Diana”, vent'anni di lettere per parlare di cani, di gatti, ma anche di persone, di sentimenti, di libri… di vita.
Ventidue anni fa Diana Lanciotti fondava il Fondo Amici di Paco e da allora è diventata una delle maggiori figure di riferimento per chi ha a cuore la sorte degli animali. In tutti questi anni Diana ha risposto a migliaia di lettere su argomenti diversi, soprattutto legati agli animali, dove le viene riconosciuto un ruolo di “esperta” ma anche di amica. Un’amica a cui ci si rivolge con la confidenza e la fiducia che ispira a tutti coloro che la avvicinano, e che riesce a trasmettere anche a distanza. Diana ha deciso di raccogliere in un libro una selezione di tutte le lettere (e risposte) pubblicate nella “Posta di Diana” della rivista Amici di Paco e del suo sito, per parlare di cani, di gatti, ma anche di persone. Una lettura istruttiva, ricca di spunti di riflessioni, consigli, senso pratico e sentimenti. Il ricavato (compresi i diritti d’autore) è devoluto al Fondo Amici di Paco per aiutare gli animali senza famiglia.

“Qualcuno crede (o gli fa comodo credere) che impegnarsi a favore degli animali, o comunque amarli come li amiamo noi, escluda l’aiutare e amare il proprio prossimo. Invece è esattamente il contrario: chi non ama o non fa nulla per creature umili e innocenti ancor meno lo farà per i suoi simili. Una grande soddisfazione per me, in questi anni, è stata allacciare vere e proprie amicizie e creare rapporti di stima e scambio di opinioni, fino a fornire veri e propri sostegni psicologici a persone che mi contattano per i loro animali, e poi finiscono per… coinvolgermi nelle cose della loro vita familiare e personale. Altro che curarsi solo degli animali!”
Ventidue anni fa Diana Lanciotti fondava il Fondo Amici di Paco, divenuto in breve tempo una delle associazioni per la tutela degli animali più attive e apprezzate. La sua passione, il suo amore ma anche il suo approccio equilibrato, che si esprime nel motto “persuadere con dolcezza”, hanno fatto di Diana una delle più importanti figure di riferimento nel mondo animalista. Nella rubrica “La posta di Diana”, che cura sulla rivista Amici di Paco e sul suo sito www.dianalanciotti.it, Diana ha risposto negli anni ad alcune delle migliaia di lettere delle persone che le scrivono per chiederle consigli sui loro animali, per esprimere i propri sentimenti, per scambiare opinioni, per parlare dei propri fedeli amici con la coda ma anche di sé. Per molti Diana è diventata una guida, un’esperta a cui rivolgersi per trovare soluzioni a problemi di gestione o di salute dei propri amati quattrozampe, per migliorare il rapporto con loro, ma anche un’amica con cui confrontarsi e confidarsi, sapendo sempre di trovare un appoggio e un consiglio.
Questo libro raccoglie una selezione delle lettere a Diana (e relative risposte), suddivise per argomento: “I nostri migliori amici”, “Scrittura”, “Libri”, “Quattro chiacchiere”, “Attualità”, “Sentimenti” e, in coda, una sezione speciale “Caro Paco ti scrivo” dedicata ad alcune tra le migliaia di lettere (e relative risposte) ricevute da Paco, il mitico testimonial del Fondo Amici di Paco.
Leggendolo, scopriremo in Diana una persona che ascolta senza giudicare, che osserva le situazioni da diversi punti di vista per poter dare risposte chiare, semplici e di buon senso, spesso non convenzionali. Una persona amica, che parla col cuore e con quel grande amore che la lega da sempre agli animali, senza però dimenticare l’amore e il rispetto per i propri simili.

Il libro sarà in libreria a metà gennaio, ma è già disponibile in anteprima per i regali di Natale sul sito www.amicidipaco.it a questo link (per info: tel. 030 9900732, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
Il ricavato (compresi i diritti d’autore) è come sempre devoluto al Fondo Amici di Paco per aiutare gli animali senza famiglia.

È l’occasione giusta per un regalo solidale e conoscere o conoscere meglio una persona che da 22 anni ha dato una svolta al destino di tanti animali e aperto la strada a un vero cambiamento nel rapporto tra gli uomini il resto del Creato.

Di seguito la lettera che Diana ha scritto sul suo sito per annunciare a tutti gli amici la nascita del suo ventesimo “figlio di carta”.

Il mio ventesimo “figlio di carta”

Cari amici,
oggi sono diventata madre per la ventesima volta: è nato il mio ventesimo “figlio di carta”.

Come sanno tutti coloro che scrivono e coloro che mi conoscono, uscire con un nuovo libro è come mettere al mondo un figlio. Un “figlio di carta”, appunto.

Vi ricordate quando scrissi il mio “Saluto a un figlio che se ne va”? Allora toccò alla creatura più strana che abbia finora concepito: “La vendetta dei broccoli”. Un figlio turbolento, difficile, ribelle. Ma tanto, tanto amato.

Aver tenuto con sé una creatura, averla cullata dentro di sé e poi lasciarla andare per le vie del mondo ha, ogni volta, l'effetto di uno strappo. Un legame, fortissimo, che si spezza. Da una parte provi un senso di liberazione per aver completato un’opera a cui ti sei dedicato con amore e passione per tanto tempo, dall’altro è il vuoto, il senso di vuoto a prevalere… Aver trascorso tante ore insieme, a raccontarsi cose, e ora quel dialogo si interrompe. Ed è allora che inizia il dilemma: quando concepire il prossimo? E quale, tra i tanti che si hanno in mente? Partire subito con una nuova avventura, o rigirarsi in bocca il sapore dolceamaro che l’opera appena conclusa ti ha lasciato?

Eh sì, dare in stampa un libro è un po’ come dare alla luce un figlio. Peggio: perché un figlio, una volta nato, lo tieni con te, lo coccoli, hai la responsabilità di educarlo e farlo crescere sano e felice. Ma un libro… un libro da quando sarà in libreria non sarà più tuo, apparterrà al mondo. E il mondo non sempre è gentile, non sempre è pronto ad accoglierlo a braccia aperte, coccolarlo e vezzeggiarlo. Spesso il mondo, là fuori, è un posto duro, dove ci si fa largo a gomitate, dove i più prepotenti si fanno strada a scapito di quelli magari migliori, ma più gentili, più timidi.

Chi fa strada, nel mondo dell’editoria ma anche in altri, non è sempre chi ne ha i meriti, ma è chi ha più da spendere, chi ha le amicizie giuste, gli agganci politici che contano, chi è più spregiudicato e, spesso, maleducato. Addirittura screanzato.

Le mie creature, a parte la… pecora nera “La vendetta dei broccoli”, che ho sempre considerato un caso a sé, sono di solito gentili, timide, dolci. Difficilmente si fanno notare urlando, o per gesta (o gesti) eclatanti. Loro sono come me, e amano “persuadere con dolcezza”: diffondere i messaggi e i valori in cui credo senza sbraitare, offendere, umiliare. Difficile farsi strada con queste premesse… Però noi ci proviamo.

Dal 1995, quando diedi alla luce il mio primo figlio di carta (“C’è sempre un gatto”), allora edito da Mursia, sono passati quasi 25 anni, e di strada ne abbiamo fatta, io e i miei libri. Sempre e solo con le nostre scarpe, senza chiederle in prestito o, peggio, rubarle a nessuno: abbiamo sempre cercato di farci strada con i nostri mezzi, le nostre capacità, le nostre forze, il nostro impegno… le nostre scarpe, appunto.

Farci strada per noi (per me e i miei figli di carta) non è mai stato diventare famosi ed essere invitati ai vari salotti televisivi per essere intervistati dal conduttore più pagato e politicizzato del momento, quello che ti invita solo se sei dei suoi ed esprimi idee preconfezionate. Possibilmente le sue, o quelle dei suoi padroni. No.

Per noi farci strada è raggiungere il cuore e la mente dei lettori, di tutti coloro che scelgono noi (me e i miei libri) e insieme a noi trascorrono ore di divertimento (spero) e riflessione.

Da questo punto di vista, di strada io e i miei figli di carta ne abbiamo fatta tanta e tante sono state le soddisfazioni. Solo che non lo strombazziano ai quattro venti, e non tutti lo sanno.

Questo nuovo figlio è, ancora una volta, diverso dagli altri: non racconta una storia, non insegna qualcosa… Ma poi non è neanche vero: insegna, insegna una storia, anzi tante storie. La mia e quella di tutte le persone che in questi ultimi ventidue anni mi hanno aperto il loro cuore e sono diventate mie amiche. Una magia, che Inizia di solito con una lettera (ora sempre più spesso un’email), magari per parlare del proprio cane o del proprio gatto, per chiedere consigli, per parlare delle proprie esperienze, e si trasforma via via in un bellissimo rapporto di amicizia. Un dialogo lungo ventidue anni.

Ed ecco il senso di questo libro: ripercorrere le tappe importanti di un impegno, il mio ma anche quello di tante persone straordinarie, che amano gli animali e si sforzano in ogni modo di migliorare un angolo di mondo, che messo insieme ad altri angoli di mondo ben curati darebbe un mondo migliore.

In questo mio nuovo libro ci sono io, ci siete voi che in tanti anni mi avete scelta come amica. C’è la storia di tante persone che amano gli animali e si sentono unite e più forti e più complete grazie a questo amore.

È forse il ritratto più calzante di me, ben più d qualunque storia più o meno autobiografica io abbia potuto scrivere. Qua ci sono io, le cose in cui credo: le mie “battaglie”, come le definirebbe qualcuno; ma essendo un termine che uso sempre malvolentieri preferisco sostituirlo con “il mio impegno per ciò che per me conta”.

C’è la vera Diana, in questo libro. Quella che non tutti conoscono.

Come non la conoscono tante persone che credono di conoscerla ma non hanno idea del mondo meraviglioso di rapporti che in questi anni ho avuto il dono di creare con tutti voi. Persone a volte così prese dal loro mondo da non aprirsi al mondo degli altri. A loro, in particolare, se solo volessero, questo libro potrà raccontare la vera Diana. Quella che credono di conoscere, ma non hanno la più pallida idea.

Speriamo che, una volta tanto, facciano lo sforzo di fare un passo fuori dal proprio mondo per conoscere anche il mio. Il vostro.

Un mondo bellissimo, non credete?

Vi abbraccio e aspetto le vostre lettere, per tenere saldo e rinforzare quel filo che ci unisce

Diana (da www.dianalanciotti.it - 2 dicembre 2019)

Cara Diana, ti scrivo
Diana Lanciotti
Paco Editore
480 pagine - Prezzo 16,90 euro

Diana Lanciotti, pubblicitaria, giornalista e fondatrice del Fondo Amici di Paco, è nota per i suoi libri sugli animali. Per i gattofili: “C’è sempre un gatto - Dodici (g)atti unici con finale a sorpresa” e “La gatta che venne dal bosco”. Gli amanti dei cani la conoscono per la quadrilogia di Paco: “Paco, il Re della strada”, “Paco. Diario di un cane felice”, “In viaggio con Paco” e “Paco, il simpatico ragazzo”, bestseller che hanno per protagonista Paco, il trovatello testimonial del Fondo Amici di Paco. Con “I miei musi ispiratori”, “Occhi sbarrati” e “Mostri canini” si è fatta apprezzare anche come fotografa. “Mamma storna” è la storia vera di uno storno caduto dal nido. “Boris, professione angelo custode” è stato definito “la più toccante testimonianza d’amore per i cani”. Unendo i temi a lei cari, amore, mare, animali, ha scritto i romanzi “Black Swan-Cuori nella tempesta”, “White Shark-Il senso del mare”, “Red Devil-Rotte di collisione” e “Silver Moon-Lo stregone del mare”, nel filone del “romanticismo d’azione”. Con il “giallo vegetariano” “La vendetta dei broccoli” ha aperto un importante dibattito sulle scelte alimentari. “L’esperta dei cani”, “I cani non hanno colpe” e “Ogni gatto è un’isola” sono dedicati al tema della comprensione dei nostri animali, al quale si dedica dal 2008 sulla rivista Amici di Paco, di cui è direttore responsabile. Titolare dell’agenzia Errico & Lanciotti, che firma gratuitamente la comunicazione del Fondo Amici di Paco, è direttore editoriale di Paco Editore. Vive in Sardegna e sul lago di Garda con il marito, tre gatti e tre cani. Il suo sito è www.dianalanciotti.it.

Due parole sul Fondo Amici di Paco
Il Fondo Amici di Paco, fondato nel 1997 da Diana Lanciotti con il marito Gianni Errico in seguito all’adozione di Paco al canile, è una delle associazioni no-profit più attive a livello nazionale, sia sotto l’aspetto degli aiuti concreti ai rifugi che quello della sensibilizzazione. Sin dalla nascita, ha portato all’attenzione di istituzioni, media e cittadini le problematiche dei cani e dei gatti abbandonati rendendo noto il fenomeno del randagismo, un tempo ignorato.
Grazie a numerose campagne di sensibilizzazione (come quella di Natale: “Non siamo giocattoli, non regalarci a Natale”, o quella estiva: “Non abbandonare il tuo cane. Lui non ti abbandonerebbe mai”, o quella di Pasqua “Buona Pasqua anche a loro”, tutte realizzate gratuitamente dall’agenzia Errico & Lanciotti), ha saputo aprire la strada a una nuova coscienza nei riguardi degli animali e favorito la nascita di molte altre associazioni impegnate a difenderli, tanto che occuparsi dei diritti e del benessere degli animali è diventato un impegno diffuso e riconosciuto da tanti. In nome e nel ricordo di Paco, scomparso nel 2006, il Fondo Amici di Paco prosegue le sue attività sia nella direzione della sensibilizzazione che degli aiuti concreti ai rifugi che accolgono i cani e i gatti abbandonati. Non avendo spese di gestione (di cui si fanno carico i due fondatori), l’associazione può devolvere l’intero ricavato delle somme raccolte grazie alla generosità dei suoi sostenitori che da tutta Italia appoggiano le iniziative a favore degli animali più bisognosi.

Per informazioni, acquisti e donazioni
Fondo Amici di Paco tel. 030 9900732, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.amicidipaco.it
Per devolvere il 5x1000 al Fondo Amici di Paco per aiutare tanti animali in difficoltà il codice fiscale da indicare è: 01941540989

Simona Rocchi
ufficio stampa Fondo Amici di Paco

free joomla templatesjoomla templates
2020  Voglia di Vela   designed by Davide Casadio