Melges 32 World Championship 2018: a Cagliari alla ricerca del nuovo padrone dello scettro mondiale

20181017 51Cagliari, 16 ottobre 2018 – A Cagliari si torna a respirare aria mondiale perché da domani scatterà la quattro giorni del Melges 32 World Championship 2018, evento iridato che segue di pochi giorni l'appena concluso Mondiale per la flotta Melges 20.
Diciotto i team al via in rappresentanza di 8 Nazioni (Russia, Germania, Giappone, Norvegia, Principato di Monaco, Svizzera, Polonia, Italia) per un Campionato del Mondo assolutamemte aperto alla ricerca del nuovo padrone dello scetro iridato che, mai come questa, volta potrebbe tornare ad essere italiano. Saranno infatti presenti sul campo di regata dello Yacht Club Cagliari alcuni grandissimi nomi della Classe, a vario titolo protagonisti non solo in questa stagione: Giogi dello spezzino Matteo Balestrero (con il tattico sloveno Branko Brcin) si presenta al via dopo avere conquistato il circuito Melges 32 World League 2018. Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato (con l'asso britannico Paul Goodison in pozzetto) tenterà la caccia a quello che, di fatto, è l'unico titolo che ancora manca nella bacheca dei Mascalzoni con riferimento alla loro presenza nella Classe Melges 32; stesso discorso vale per il "senatore" Torpyone di Edoardo Lupi e Massimo Pessina (con il già iridato Melges 32 Lorenzo Bressani alla tattica) che si avvicina a questo Mondiale con il titolo di Campione Europeo 2017 e che in carriera ha vinto tutto tranne il titolo mondiale più volte sfiorato.
Lo scorso anno a vincere, assolutamente a sorpresa, fu il russo Tavatuy di Pavel Kuznetsov che non parte nemmeno questa volta tra i favoriti. Tuttavia Tavatuy ha già dimostrato di saper dominare perfettamente e meglio di chiunque altro la pressione di un evento cosi delicato e importante come è un Campionato del Mondo: ora è nella posizione di poter puntare a una clamorosa doppietta per i colori russi che, proprio lo scorso anno, interruppero il binomiio USA / Italia nella Hall of Fame dei Melges 32 World Championships.
Tra gli aspiranti al gradino più alto del podio vanno annoverati anche il veterano Fra Martina dei fratelli Pavesio (bronzo mondiale lo scorso anno), G.Spot di Giangiacomo Serena di Lapigio (con Michele Ivaldi alla tattica), Caipirinha di Martin Reintjes (team in costante crescita con un pozzetto di assoluto spessore con Gabriele Benussi e Alberto Bolzan), il tedesco Wilma di Fritz Homann (con Nico Celon), il Norvegese Pippa di Lasse Petterson (con Matteo Ivaldi). Le soprese, come detto, a un Mondiale possono rivoluzionare le gerarchie e in tale direzione vanno considerati i nomi ad esempio del Giapponese Swing di Keizuke Suzuki, del polacco Casino Royal di Valdemar Salata e dell'italiano Donino di Luigi Giannattasio.
Dieci le prove del programma generale da disputarsi nell'arco di quattro giornate per laureare il decimo Campione del Mondo nella storia della Classe Melges 32.

Melges 32 World Championship Hall of Fame:

2009 PORTO CERVO : USA 169 BLIKSEM - Pieter Taselaar
2010 SAN FRANCISCO: ITA 23 B-LIN - Luca Lalli
2011 PALMA DE MALLORCA: USA 2 GOOMBAY SMASH - William Douglass
2012 NEWPORT: USA 13131 SAMBA PA TI - John Kilroy
2013 PORTO ROTONDO: USA 128 ARGO - Jason Carroll
2014 MIAMI: USA 128 ARGO - Jason Carroll
2015 TRAPANI ITA 065 STIG – Alessandro Rombelli
2016 NEWPORT : USA 180 VOLPE – Ryan Devos
2017 CALA GALERA: RUS 223 TAVATUY – Pavel Kuznetsov

Il Melges 20 World Championship 2018 e la Melges 20 World League conta sul supporto di Moby, Tirrenia, Helly Hansen, Garmin Marine, North Sails, Toremar, Harken, Norda, Lavazza, Rigoni di Asiago.
Melges World League ha sottoscritto e adotta il codice etico della Charta Smeralda promuovendo fortemente i valori di One Ocean Foundation.

free joomla templatesjoomla templates
2018  Voglia di Vela   designed by Davide Casadio