Come avere informazioni verificate sul Covid -19.

AdnskronosIn questo momento così delicato, VogliadiVela desidera contribuire in qualche modo a questa grave emergenza… abbiamo quindi pensato, grazie al prezioso supporto di Adnkronos Salute, di fornire ai nostri lettori informazioni utili, certe, verificate e attendibili, per arginare allarmismi ingiustificati e il dilagare di fake news che rischiano di minare l'efficacia dei provvedimenti del Governo, delle Regioni e degli enti locali contro la propagazione di Covid-19. 

Un grazie di cuore, quindi a tutta la Redazione di Adnkronos che ci offre la possibilità di accedere alle principali news e di pubblicare liberamente la produzione specialistica dedicata all'emergenza coronavirus, con la possibilità di contribuire alla diffusione di un'informazione verificata.

Da oggi, quindi, nel Menù Principale di Voglia di Vela troverete la nuova rubrica “Covid-19”. 

Entramndo in questo settore, potrete scegliere se leggere gli aggiornamenti cliccando su 

RSS Covid-19 by ADNKRONOS o su https://www.adnkronos.com/RSS_Coronavirus.xml

e resterete informati nel modo più corretto.

Come verificare se le notizie ricevute su whatsapp o su Facebook sono vere?

In questi giorni sarà sicuramente capitato anche a voi di ricevere con whatsapp o su Facebook i più disparati avvertimenti, consigli, segnalazioni o rivelazioni sul Covid-19… 

Verità o fake news?

In un periodo così difficile e delicato, come se non bastassero tutte le cose che stanno accadendo intorno a noi, ci dobbiamo, infatti, difendere anche dalle molte, troppe notizie false che, a una velocità superiore di quella del virus, circolano sui social media e soprattutto su WhatsApp dove audio e “consigli” di ogni genere vengono condivisi, talvolta in buona fede, ma sempre senza alcuna verifica.

Tutto ciò crea, ovviamente molta confusione e pericolosi allarmismi in un momento nel quale avremmo bisogno esattamente del contrario, e cioè di certezze, positività e di massima comprensione di quanto sta realmente accadendo. 

Molto spesso, si corre il pericolo di “condividere” le notizie che ci sembrano più “amichevoli” o più “nefaste”, a seconda del nostro stato d’animo, dimenticando che mai come in questo periodo, davanti a qualsiasi notizia dobbiamo affidarci alla scienza, usare il pensiero critico, consultare e confrontare più fonti di informazione, non condividere nulla senza prima averlo verificato e, se ci dovesse capitare di diffondere un contenuto falso, dobbiamo cercare di smentire velocemente e con la stessa enfasi. 

"Una fake news non è mai banale: è sensazionale, rilevante – spiega Roberto Nicoletti, professore di psicologia cognitiva a Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Bologna in un articolo di Giulia Masoero Regis apparso su Repubblica il 20 marzo scorso– Chi la riceve ha la percezione di essere entrato in contatto con qualcosa che in pochi sanno e da lì scatta il desiderio di condividerla. L'intenzione può essere di due tipi: positiva, se la notizia riguarda ad esempio un modo per curarsi o non farsi contagiare dal nuovo virus, e allora si sente il bisogno di dirlo ad amici e parenti; oppure negativa, e cioè si condivide una notizia per imporre la propria leadership, dimostrare che si sa più degli altri e che si ha accesso a fonti che gli altri non conoscono, confutando ciò che dicono". 

Io ho trovato molto utile anche quanto riportato su Open, il giornale online fondato due anni fa da Enrico Mentana: vi consiglio di dargli un’occhiata anche perchè potrete trovare le notizie false più comuni, verificando così quelle eventualmente ricevute. Ecco il link

https://www.open.online/2020/03/25/speciale-coronavirus-come-difenderti-dalle-bufale-e-i-falsi-miti-sul-covid-19/

free joomla templatesjoomla templates
2020  Voglia di Vela   designed by Davide Casadio