"Antivirus. Emergere dall'emergenza"

20200617 54C'è un virus che serpeggia in Italia: la rassegnazione. Combattiamolo con l'informazione e il senso critico. Dall'autrice de "La vendetta dei broccoli" e "Black Swan", spunti di riflessione per mantenere la propria libertà fisica e mentale e uscire dalle gabbie del Pensiero Unico Dominante.

"La pandemia provocata dal coronavirus ha inciso profondamente sulla nostra esistenza per quanto riguarda la salute ma anche lo stile di vita. Tutte le nostre certezze sono state messe in discussione e la paura giustificata è stata soppiantata da un terrore cieco che ha modificato i nostri comportamenti e annullato le nostre difese, soprattutto psicologiche. Il senso di annientamento e di sconfitta prevale in tante persone. Ci stiamo ammalando di rassegnazione, il male peggiore che dobbiamo combattere per uscire più forti di prima. Sotto il bombardamento di informazioni, a salvarci in questa fase e anche in futuro sarà la capacità di pensare con la nostra testa, di non accettare a priori il Pensiero Unico dominante, contro il quale propongo la ricetta del libero pensiero."

Così scrive Diana Lanciotti nella prefazione di Antivirus, in cui ha raccolto una serie di riflessioni sui temi di attualità, a partire dall'emergenza coronavirus, per arrivare all'immigrazione, alla politica, alla società, mantenendo quell'indipendenza di pensiero che i suoi lettori apprezzano da tempo. Al suo fianco potremo ripercorrere gli ultimi 15 anni della storia dell'Italia e degli Italiani. Per accorgerci che tutto era già scritto (o prevedibile) e capire perché siamo arrivati a questo punto e che cosa possiamo fare per incidere sul destino nostro e della nostra nazione.
Dopo i consensi ricevuti dai suoi articoli apparsi sul suo sito e su un quotidiano nazionale, Diana ha constatato come la voglia di farsi sentire e valere sia forte in tante persone, spaventate o disorientate da un'informazione piena di contraddizioni, spesso di parte e allineata se non condizionata dal potere politico ed economico.
Famosa per i suoi libri sugli animali e i suoi romanzi, anche quando si occupa di diritti e benessere animale Diana lo fa con modalità del tutto personali, secondo il motto "persuadere con dolcezza" che i suoi sostenitori apprezzano da quando, 23 anni fa, ha fondato il Fondo Amici di Paco, una delle associazioni più seguite e apprezzate a livello nazionale.
Anche in Antivirus ritroviamo la sua capacità di mantenere la propria libertà intellettuale, scevra di qualunque conformismo, frutto di una visione multisfaccettata della realtà. Un'importante occasione di confronto e riflessione per allenare la mente a mantenersi libera dalle gabbie del Pensiero Unico Dominante. E per rileggere 15 anni della storia d'Italia con una visione fuori dagli schemi.
In un mondo abituato a catalogare e racchiudere fatti e persone in piccoli schemi, Diana Lanciotti sfugge a qualunque classificazione. È il classico spirito libero abituato ad analizzare la realtà con un approccio nuovo, insolito, intrigante. In questo libro, ricco di riflessioni sull'attualità, la politica, la società, ci dà un esempio della sua indipendenza intellettuale e della sua capacità di mantenere una visione chiara anche davanti alle pressioni di un'informazione spesso parziale e distorta e di una propaganda di regime che ci vorrebbe tutti "monopensanti."
Il libro è diviso in sezioni: l'emergenza coronavirus, l'emergenza immigrazione, politica, attualità, cronaca e spettacolo; e infine i grandi amori di Diana Lanciotti, a cui sono dedicate due sezioni separate: la Sardegna e gli animali.
Un libro indispensabile per tenere allenata la mente e rileggere con un punto di vista innovativo quindici anni della nostra vita e il periodo che stiamo vivendo. Una sorta di... ricettario di esercizi mentali per mantenere attivi il cervello e lo spirito critico.
Il ricavato (compresi i diritti d'autore) è come sempre devoluto al Fondo Amici di Paco per aiutare gli animali senza famiglia.

Antivirus. Emergere dall'emegenza è acquistabile nelle librerie (anche online) e sul sito www.amicidipaco.it a questo link (per info e acquisti: Paco Editore tel. 030 9900732, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

ANTIVIRUS - Emergere dall'emergenza - Diana Lanciotti (Paco Editore)
Prezzo: 18 euro - 480 pagine

Per informazioni, acquisti e donazioni: Fondo Amici di Paco tel. 030 9900732, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.amicidipaco.it
Per devolvere il 5x1000 al Fondo Amici di Paco per aiutare tanti animali in difficoltà il codice fiscale da indicare è: 01941540989

INTERVISTA ALL'AUTRICE
Antivirus. Emergere dall'emergenza
Intervista a Diana Lanciotti all'uscita del suo ventunesimo libro. Spunti e riflessioni sull'attualità, la politica, la società, ripercorrendo la storia dell'Italia dal 2005 a oggi. Uno spaccato della nostra vita degli ultimi 15 anni letto e riletto da un punto di vista non convenzionale per combattere il virus della rassegnazione e dell'omologazione e uscire dalle gabbie del Pensiero Unico Dominante.

In un mondo abituato a catalogare e racchiudere fatti e persone in piccoli schemi, Diana Lanciotti sfugge a qualunque classificazione. È il classico spirito libero abituato ad analizzare la realtà con un approccio nuovo, insolito, intrigante. Molti la conoscono come giornalista e scrittrice di libri legati al mondo animale (23 anni fa ha fondato il Fondo Amici di Paco, una delle associazioni no profit più attive sia nella sensibilizzazione che negli aiuti concreti agli animali abbandonati e maltrattati). Ma forse non tutti sanno che Diana è animata da una forte passione politica che l'ha vista in gioventù impegnata in prima persona e che negli anni ha sempre mantenuto viva attraverso il sito www.dianalanciotti.it, dove pubblica le sue riflessioni su tematiche sociopolitiche.
Alcuni suoi articoli legati all'emergenza coronavirus pubblicati su un quotidiano nazionale riflettono il sentire di una gran parte dei cittadini, che le hanno chiesto di farsi portavoce delle loro istanze.
Con Antivirus. Emergere dall'emergenza (Paco Editore), Diana ha raccolto decine di scritti sull'attualità non limitandosi all'analisi del presente, ma ripercorrendo la storia d'Italia dal 2005 a oggi. Una sorta di... ricettario di esercizi mentali per mantenere attivi il cervello e lo spirito critico.
In questo libro, ricco di riflessioni sull'attualità, la politica, la società, Diana ci dà un esempio della sua indipendenza intellettuale e della sua capacità di mantenere una visione chiara anche davanti alle pressioni di un'informazione spesso parziale e di una propaganda di regime che ci vorrebbe tutti "monopensanti." Con un punto di vista assolutamente indipendente, aiuta i lettori a mantenere e coltivare lo spirito critico per difendere la propria libertà di pensiero e di espressione. Antivirus, dove come vedremo il virus non è quello che si impossessa dei nostri corpi ma piuttosto delle nostre menti, si dimostra un valido strumento per tenere allenata la mente e rileggere con un punto di vista innovativo quindici anni della nostra vita.
Ne parliamo direttamente con l'autrice.

Diana, dopo venti libri dedicati prevalentemente agli animali hai cambiato direzione, come hanno potuto apprezzare i lettori de La Verità che hanno letto i tuoi articoli "Facciamo polemiche1/2/3/4". Sono loro che ti hanno suggerito l'idea di questo libro?
«Sì. Ho ricevuto tante email e telefonate di persone che volevano condividere le mie riflessioni e mi hanno chiesto di riunirle in un libro. L'idea del libro è nata proprio per ritrovarsi tutti insieme a condividere idee e progetti. Per uscire, anzi "emergere" dall'emergenza.»

Questo libro è la conferma di una forte passione politica.
«Ho sempre sentito il bisogno di dedicarmi a una "causa". Il Fondo Amici di Paco ha assorbito buona parte della mia passione politica che mi ha vista impegnata in gioventù, e della mia voglia di fare qualcosa per migliorare un pezzettino di mondo. Ma ciò non significa non interessarsi a tutto il resto. Amo immensamente l'Italia, che considero il paese più bello del mondo. E, checché se ne dica e ci si diverta a rappresentarlo come un popolo da operetta, credo che il popolo italiano sia straordinario e abbia insite delle capacità che altri non hanno. Purtroppo abbiamo la sfortuna di essere da tempo rappresentati da politici che non ci rappresentano, totalmente scollati dalla cosiddetta società civile, che vivono in un mondo tutto loro, lontano dalle problematiche reali che i cittadini devono affrontare. Siamo in tanti con la voglia di fare, di far tornare la nostra nazione agli "antichi fasti": cioè a quella centralità, quella dignità, quella credibilità di cui godeva un tempo. La tragedia del coronavirus ha fatto emergere il peggio che c'è nella classe politica (tutta) e il meglio che c'è negli Italiani. Che si meritano molto di più.»

Piace la passione con la quale dici anche le verità più pesanti con una chiarezza e un coraggio che di rado si trovano nel mondo dell'informazione, in buona parte schierato dalla parte del "potere".
«Sono quelli che chiamo i "lustrascarpe del potere". Giornalisti che osannano i "potenti" in modo imbarazzante, con una piaggeria che disonora la categoria. Leggere certi panegirici su chi governa richiama alla memoria i filmati dell'Istituto Luce, gli stessi che chi ora li scimmiotta chiama "la fabbrica del consenso".»

Con questo libro analizzi l'attualità e il passato da un punto di vista assolutamente "fuori dal coro", cercando di dare una scossa a chi si stava addormentando cullato dal mainstream.
«Quello che chiamo il PUD: il Pensiero Unico Dominante, che ci vorrebbe rendere tutti marionette monopensanti, sopprimendo la libertà di pensiero ed espressione.»

Parte da qui la voglia di riscossa?
«All'inizio della pandemia molti sono piombati nella rassegnazione, la porta aperta a qualunque malattia. È essa stessa malattia. Lo stato d'animo peggiore per affrontare il presente, ma soprattutto la grande sfida che ci attende per riportare l'Italia a essere quella nazione che tutti abbiamo nel nostro cuore, ma che è stata calpestata e svilita. Ho visto e sentito davvero tanta rassegnazione ma anche tanta omologazione, quasi una paura di pensarla diversamente dai diktat impartiti dalla comunicazione "ufficiale", o meglio: di regime. Una scoperta che mi ha angosciata.»

Altri, invece che angosciarsi, ci sono andati a nozze...
«Purtroppo. Con la scusa della pandemia le libertà individuali e costituzionali sono state calpestate. Niente da dire se a farlo fosse stato un governo eletto, a cui i cittadini si sentissero tranquilli nell'affidare il proprio destino. Il fatto è che questi non ci rappresentano, e hanno decimato la popolazione a causa di scelte o non-scelte, di pregiudizi e odi politici. Ma ora la musica sta cambiando. C'è voglia di riscossa. Me ne accorgo dalle telefonate e dalle email che ricevo. Dalla rassegnazione si è passati alla voglia di riprendersi la propria vita e il proprio futuro.»

Una buona mano l'hai data tu.
«Non solo io. Tanti altri giornalisti, di quelli che si rifiutano di lustrare le scarpe al potere, e tanti "influencer" sui social hanno cercato di tener sveglie le menti e il senso critico dei lettori. Anche loro consci che il dissenso è un diritto ma anche un dovere civico. Piano piano le teste si sono rialzate. In tanti hanno capito che rivendicare la propria libertà, anche di esprimersi, non è da irresponsabili: è un atteggiamento costruttivo se si vuole trovare una soluzione e non solo subire scelte imposte da chi ci considera sudditi da comandare o pecore da tosare. "Non facciamo polemiche" era diventato un diktat, la frase d'apertura di ogni tentativo di esprimere un'opinione che si discosti di mezzo millimetro da quella dell'interlocutore o comunque del Pensiero Unico Dominante. Una trappola in cui è cascata persino l'opposizione, troppo preoccupata di non sembrare "polemica" da arrivare ad appiattire la dialettica e l'azione.»

Entrando nello specifico del libro: hai raccolto diversi articoli in cui ripercorri le tappe di quello che definisci un "disegno".
«Ero partita con l'idea di farne un instant book, uno di quei libri che dopo pochi mesi però sono già vecchi e superati. Ma mi è venuta l'idea di ripescare alcuni articoli scritti in passato e ho così iniziato un cammino a ritroso nel tempo. Così mi sono accorta che c'è un filo conduttore più o meno visibile che collega ieri a oggi, in un continuum che lascia perplessi, e a volte inquieta. Come se... fosse già tutto scritto.»

Da quando sei partita?
«Dal 2005, e leggendo articoli scritti allora mi sono resa conto che tanti dei problemi di oggi sono figli di scelte, o non scelte, politiche ed economiche del passato. Come ad esempio i rapporti con la Cina, che già quindici anni fa tendeva gli artigli famelici verso l'Occidente. O come lo strapotere della finanza che aspira (e purtroppo ci riesce) a condizionare i destini di intere nazioni. O l'allarme pandemie, che ha praticamente accompagnato tutto il nostro cammino degli ultimi anni anche se poi, superata la paura, si tende a dimenticarsene. Tutto quanto è successo in passato sta risuccedendo, con un bel carico di problemi in più. Come dire: già quindici anni fa si capiva come sarebbe andata. Già allora la politica mostrava le sue crepe e la finanza guidava le sorti del mondo (e la politica stessa).»

Quindi confermi che c'è un filo conduttore che riporta a una trama?
«Come dicono i criminologi tre indizi fanno una prova. Indizi che dimostrano che tutto parte da lontano, in termini temporali e geografici, ce ne sono a iosa. Sembra un disegno che vuole impedirci di essere padroni della nostra nazione, delle nostre risorse, delle nostre imprese, della nostra libertà, della nostra salute. Dalla Via della Seta... all'Autostrada del Vaccino, il cerchio si sta chiudendo.»

Come hai spiegato bene nel tuo libro. Non temi di essere tacciata di "complottismo"?
«Le etichette, si sa, non si negano a nessuno. Quando la dialettica s'inceppa, quando gli argomenti scarseggiano, quando il pensiero libero fa paura, si ricorre al bollino di "complottista" e ci si rifiuta di analizzare le evidenze. Magari per concludere che sono coincidenze. La mia formazione professionale mi porta ad approfondire e non fermarmi sempre e solo alla versione ufficiale, che spesso è la più comoda.»

Potremmo dire che il tuo Antivirus racconta la storia dell'Italia degli ultimi 15 anni.
«Sì, alla fine ripercorre le tappe fondamentali della storia dell'Italia dal 2005. Una storia raccontata ovviamente dal mio punto di vista, che non è detto coincida con quello dei lettori. Perciò mi piacerebbe aprire un dialogo con ognuno di loro.»

Il titolo sembra fare il verso al libro di un noto virologo... O è un caso?
«Non farmi dire... Quando in questi giorni sento parlare di seconda ondata di coronavirus mi vien da pensare che, se succedesse, dovremmo sopportare anche una seconda ondata di quegli "scienziati" che hanno imperversato per mesi nei dibattiti televisivi. È uno dei motivi per cui mi auguro che il covid abbia deciso di estinguersi. In ogni caso il virus di cui parlo è quello della rassegnazione e dell'omologazione, contro cui propongo la ricetta del libero pensiero.»

L'idea della ricetta è molto calzante. Più che una ricetta di cucina, per restare in tema la definirei una ricetta... medica contro quello che chiami Pensiero Unico Dominante.
«Sì, se consideriamo ogni articolo come un esercizio mentale per tener allenati il cervello e il pensiero critico... Anche per sviluppare opinioni diverse dalle mie, ovviamente. L'importante è confrontarsi, approfondire, non fermarsi alla superficie.»

Il libro è diviso in sezioni. Vuoi ricordarle?
«Si parte con l'emergenza coronavirus, si passa all'emergenza immigrazione, che proprio negli ultimi giorni ha ripreso a farsi sentire; poi un mix di politica, attualità, cronaca e spettacolo; e infine i miei grandi amori, a cui ho dedicato due sezioni separate: la Sardegna, un mondo noto a tutti ma che pochi possono dire di conoscere veramente, e gli animali. Altro mondo vicino ma nello stesso tempo lontano dalla comprensione di tanti.»

Non potevi tralasciarli, gli animali: a loro hai dedicato tutto il tuo impegno.
«In effetti da 23 anni dedico gran parte della mia vita a loro grazie al Fondo Amici di Paco. Però in Antivirus non parlo delle iniziative dell'associazione (chi non le conosce le può scoprire sul mio sito www.dianalanciotti.it), ma commento fatti di cronaca o rifletto sul rapporto tra uomini e animali, secondo un approccio che stupirà chi ha una certa idea degli "animalisti".»

Anche perché tu non ami essere definita animalista.
«Non amo le etichette in genere, le definizioni che fanno credere che se una persona fa una cosa non possa anche interessarsi di altro. Non esiste l'essere umano monotematico... né tantomeno deve esistere l'essere umano monopensante.»

In proposito, so che qualcuno recentemente ti ha rimproverata di fare politica invece di continuare a occuparti degli animali.
«È una visione parziale della vita e delle persone che non mi è mai piaciuta, come ho spiegato rispondendo a chi mi ha rivolto quella critica... e forse ci vorrebbe suddivisi in compartimenti stagni.»

So che ami molto il confronto e che pubblichi regolarmente anche i commenti critici.
«Assolutamente sì. Credo che il dialogo e il confronto siano alla base del vivere civile. Perciò sono felice quando posso ospitare anche idee diverse dalle mie e poter avere e dare una visione il più completa possibile. Farsi sentire e valere in un momento in cui la libertà individuale, anche quella di espressione, viene contenuta, è fondamentale. È importante continuare a dialogare, esprimere liberamente le proprie idee e, se serve, il proprio dissenso. "Dissenso" era il titolo del giornale su cui scrivevo da giovane, che voleva introdurre un punto di vista diverso da quello imperante. Perché non bisogna mai rinunciare a vedere la realtà da tutte le sue angolazioni, in tutte le sue sfumature. Chi smette di farlo ha smesso di vivere.»

Concludo, Diana, ricordando ai lettori che come per tutti i tuoi libri anche il ricavato di Antivirus è devoluto al Fondo Amici di Paco a favore degli animali senza famiglia.
«Sì. E dato che la crisi determinata dalla pandemia ha causato una fortissima riduzione delle donazioni, ho deciso di destinare i miei diritti in sostegno alla Campagna Antiparassiti con cui da diciotto anni doniamo i prodotti antiparassitari per i cani e i gatti ospiti dei rifugi.»

Va ricordato che sei la promotrice e l'organizzatrice di questa importante e complessa iniziativa del Fondo Amici di Paco, di cui beneficiano decine di rifugi in tutta Italia e migliaia di cani e di gatti in attesa di adozione.
«Sì, è l'attività caratterizzante del Fondo Amici di Paco: un lavoro complesso ma di grande soddisfazione.»

Diana, hai voluto presentare oggi ufficialmente il tuo libro. Il 29 maggio è una data particolare per te.
«Sarebbe il compleanno di mia mamma, che ci ha lasciati due anni fa. Ogni volta l'uscita di un mio libro era un momento di gioia e condivisione con lei e con il papà che, insieme a mio marito, erano i miei più grandi sostenitori. Sono stati i miei genitori a trasmettermi l'amore per gli animali e per la scrittura. La mamma anche la passione per la politica e lo spirito di ribellione a qualunque imposizione. Uscire oggi con il mio ventunesimo libro è un regalo che spero la raggiunga dov'è.»

Paola Cerini

Diana Lanciotti, pubblicitaria, giornalista e fondatrice del Fondo Amici di Paco, è nota per i suoi libri sugli animali. Per chi ama i gatti: C'è sempre un gatto-Dodici (g)atti unici con finale a sorpresa e La gatta che venne dal bosco, storia piena di ironia, emozione e magia. Gli amanti dei cani la conoscono per la quadrilogia di Paco: Paco, il Re della strada, Paco. Diario di un cane felice, In viaggio con Paco e Paco, il simpatico ragazzo, bestseller che hanno per protagonista Paco, il trovatello testimonial del Fondo Amici di Paco. Grazie ai libri fotografici I miei
musi ispiratori, Occhi sbarrati e Mostri canini si è fatta apprezzare anche come fotografa. In Mamma storna ha narrato la storia vera di un piccolo storno caduto dal nido. Boris, professione angelo custode è stato definito "la più toccante testimonianza d'amore per i cani". Unendo i temi a lei cari, amore, mare, animali, ha scritto Black Swan-Cuori nella tempesta, White Shark-Il senso del mare, Red Devil-Rotte di collisione e Silver Moon-Lo stregone del mare, romanzi d'amore e di mare con i quali ha inaugurato il filone del "romanticismo d'azione". Con La vendetta dei broccoli, "giallo vegetariano" di grande successo, ha aperto un importante dibattito sulle scelte alimentari. L'esperta dei cani, I cani non hanno colpe e Ogni gatto è un'isola sono dedicati al tema della comprensione dei nostri animali, al quale si dedica dal 2008 nella rubrica "Parliamone insieme" sulla rivista Amici di Paco. In Cara Diana ti scrivo ha raccolto 22 anni di corrispondenza con gli "amici di Paco" ma non solo. Titolare dell'agenzia Errico & Lanciotti, che firma gratuitamente tutta la comunicazione del Fondo Amici di Paco, è direttore responsabile della rivista Amici di Paco e direttore editoriale di Paco Editore. Vive in Sardegna e sul lago di Garda con il marito, tre gatti e tre cani. Il suo sito è www.dianalanciotti.it.

Due parole sul Fondo Amici di Paco
Il Fondo Amici di Paco, fondato nel 1997 da Diana Lanciotti con il marito Gianni Errico in seguito all'adozione di Paco al canile, è una delle associazioni no-profit più attive a livello nazionale, sia sotto l'aspetto degli aiuti concreti ai rifugi che quello della sensibilizzazione. Sin dalla nascita, ha portato all'attenzione di istituzioni, media e cittadini le problematiche dei cani e dei gatti abbandonati rendendo noto il fenomeno del randagismo, un tempo ignorato.
Grazie a numerose campagne di sensibilizzazione (come quella di Natale: "Non siamo giocattoli, non regalarci a Natale", o quella estiva: "Non abbandonare il tuo cane. Lui non ti abbandonerebbe mai", o quella di Pasqua "Buona Pasqua anche a loro", tutte realizzate gratuitamente dall'agenzia Errico & Lanciotti), ha saputo aprire la strada a una nuova coscienza nei riguardi degli animali e favorito la nascita di molte altre associazioni impegnate a difenderli, tanto che occuparsi dei diritti e del benessere degli animali è diventato un impegno diffuso e riconosciuto da tanti. In nome e nel ricordo di Paco, scomparso nel 2006, il Fondo Amici di Paco prosegue le sue attività sia nella direzione della sensibilizzazione che degli aiuti concreti ai rifugi che accolgono i cani e i gatti abbandonati. Non avendo spese di gestione (di cui si fanno carico i due fondatori), l'associazione può devolvere l'intero ricavato delle somme raccolte grazie alla generosità dei suoi sostenitori che da tutta Italia appoggiano le iniziative a favore degli animali più bisognosi.

Per informazioni, acquisti e donazioni
Fondo Amici di Paco tel. 030 9900732, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.amicidipaco.it
Per devolvere il 5x1000 al Fondo Amici di Paco per aiutare tanti animali in difficoltà il codice fiscale da indicare è: 01941540989

Simona Rocchi
ufficio stampa Paco Editore
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

free joomla templatesjoomla templates
2020  Voglia di Vela   designed by Davide Casadio