i GC32 tornano nel paradiso italiano della vela, Riva del Garda

20190912 60l GC32 Racing Tour riprende il suo cammino domani in una delle località più amate al mondo dai velisti, specialmente delle classi veloci e foiling: Riva del Garda, dove i catamarani volanti si sfideranno da giovedì fino a domenica.
Le regate della GC32 Riva Cup, organizzate con il supporto della Fraglia Vela Riva, vedranno la partecipazione di sette team e ci si aspetta battaglia, soprattutto per le posizioni di vertice dove continuerà il duello fra Oman Air dello skipper Adam Minoprio-e Alinghi di Ernesto Bertarelli, per l'occasione timonato dall'asso svizzero Arnaud Psarofaghis.
Se è ormai praticamente certo che sarà uno di questi due team a conquistare il titolo di campione del GC32 Racing Tour 2019 nel gran finale di Mascate, in Oman, la lotta per il terzo gradino del podio è ancora apertissima. Attualmente la piazza è occupata dai due volte medaglia d'oro olimpica austriaci Roman Hagara e Hans-Peter Steinacher su Red Bull Sailing Team.
"Conosciamo il Lago di Garda per avervi corso molto nelle classi olimpiche." Ha dichiarato Hagara, che ha regatato a Riva anche con il GC32, ma con un equipaggio differente e spera nella famosa combinazione di vento e acqua piatta tipica del Garda. "A Palma abbiamo visto che con vento teso andiamo bene, quindi speriamo che ci sia tanta aria." Un'ottima opportunità anche per i molti ospiti del suo sponsor Red Bull, che ha sede nella vicina Austria, che potranno approfittare dei programmi di ospitalità del GC32 Racing Tour.
Il team Argo, dello statunitense Jason Carroll, ritorna al GC32 Racing Tour dopo aver perso la Copa del Rey MAPFRE, per partecipare e vincere la Transpac da Los Angeles alle Hawaii. Carroll si dice felice di ritornare a regatare nelle acque dell'alto Lago di Garda, con il loro scenario mozzafiato."Riva è una costante nel calendario della classe. Ogni anno ci torniamo, e ogni volta è un evento magnifico. Il luogo è bellissimo ed è quasi certo avere 10/15 nodi di vento, con acqua piatta, delle condizioni ideali."
Per l'evento gardesano Argo dovrà fare a meno di Nick Hutton, impegnato in Coppa America, che sarà sostituito dall'esperto di multiscafi francese Hervé Cunningham. Contando anche il tattico Seb Col, ora il team di Argo è composto per due quinti da francesi.
Cambio di equipaggio anche a bordo di Black Star Sailing Team dello svizzero Christian Zuerrer a cui si aggiungerà il campione di match-racing neozelandese Will Tiller, oltre all'australiano Keith Swinton che ha timonato la barca svizzera lo scorso mese a Palma di Maiorca.
Black Star Sailing Team ha debuttato nel GC32 Racing Tour quest'anno ma sta guadagnando fiducia sulle manovre e sulle regolazioni. Zuerrer si è detto impressionato da Riva del Garda: "E' un posto incredibile, la scorsa settimana faceva freddo e pioveva, ma le condizioni di vento erano comunque buone. Speriamo di avere condizioni ideali e di regatare bene, lottando contro i team più forti come abbiamo fatto a Lagos."
Zoulou di Erik Maris, un team sempre molto continuo, guida la classifica provvisoria degli owner-driver del GC32 Racing Tour 2019 ai danni di Argo. "Riva del Garda è uno dei miei campi di regata preferiti." Ha spiegato il randista Thierry Fouchier. "Le persone del posto sono molto accoglienti e c'è molto spazio. Sanno come organizzare degli eventi velici e le condizioni meteo sono sempre buone, con un bel vento il pomeriggio. Poi con queste montagne, il panorama è incredibile. Gran posto."
Il Garda è stato protagonista di alcuni record di velocità fatti registrare dai GC32, intorno ai 40 nodi. Per ora non è successo di nuovo ma Fouchier è ottimista. "Con 18 nodi d'aria potremmo farne 35 di velocità."
Inoltre Zoulou tiene nel mirino Red Bull peer la conquista del terzo gradino del podio del GC32 Racing Tour 2019. "Non è certo un segreto, bisogna fare delle belle partenze, navigare veloci e fare meno errori degli altri." Dice Fouchier.
La GC32 Riva Cup gode del supporto delle più importanti istituzioni di promozione del territorio: Garda Trentino e Riva del Garda Fierecongressi, della Distilleria Marzadro e di Omkafé.
Le regate della GC32 Riva Cup si svolgeranno dal 12 al 15 settembre

Gennaro Amato riconfermato presidente ANRC

20190912 56Napoli, 10 settembre 2019 – Sono bastati poco più di sessanta minuti per completare le elezioni del nuovo consiglio direttivo dell'Associazione Nautica Regionale Campana e per modificare diversi articoli dello statuto associativo. Il notaio Giuseppe Cioffi, assistito dal commercialista Alberto Bruno, ha così sancito l'elezione dei sei componenti del nuovo direttivo e la riconferma alla presidenza di Gennaro Amato, titolare dell'azienda Italiamarine, eletto all'unanimità dai votanti.
Si prosegue dunque nel segno della continuità con solo due nuovi consiglieri, uno per le quote rosa con la scelta di Vincenza Gallo (Nautica Salpa) 41 voti e l'atro con l'inserimento di Giuseppe Maiello (Idea Mare) 21 voti. Riconfermati: Ugo Lanzetta (Nautica Mediterranea Yachting) 41, Antonio Di Cola Schiano (Hi-Performance Italia) 38, Vincenzo Castagnola (Software Marine) 37 e Salvatore Marinelli (Centro Nautico Marinelli) 34.
"L'associazione ha un progetto ben stabilito che portiamo avanti già da tempo, perciò proseguiremo nel segno della continuità ed in particolare puntiamo a dare una identità professionale alle aziende iscritte all'ANRC ed il riconoscimento di un ruolo di riferimento sul territorio per la filiera nautica che rappresentiamo – ha dichiarato il neo presidente Gennaro Amato – Per questo motivo continueremo la nostra battaglia per portare la nautica regionale a mare a Napoli con un salone che esalti la produttività del nostro territorio".
Nel conclave associativo sono state definite anche alcune modifiche dello statuto, come la durata del mandato del consiglio direttivo e della carica del presidente, che passa da due a 4 anni, ma soprattutto i contenuti dell'operatività della stessa associazione. Le modifiche consentiranno così operatività e flessibilità economiche per la gestione ed organizzazione di fiere e mostre e di partecipazione ad iniziative di promozione della filiera nautica. Tra gli obiettivi principali del nuovo direttivo appare infatti la necessità di allargare la piattaforma di promozione della produzione e distribuzione dei cantieri campani, attraverso nuovi progetti come il salone nautico sul lungomare partenopeo, ma allo stesso tempo di programmare azioni delle aziende associate fuori dai confini regionali attraverso l'associazionismo.
"L'ANRC a breve regolarizzerà un percorso di associazionismo al CNA (Confederazione dell'Artigianato e della Piccola e media industria) perché le nostre aziende sono prevalentemente artigianali e promuovono il made in Italy del settore – afferma Gennaro Amato – questo ci consentirà di avere una visibilità associativa più forte grazie ad una struttura che ha lo scopo di rappresentare, promuovere e proteggere gli interessi della piccola e media impresa di fronte agli organi che effettuano le scelte politiche".
Tra le immediate operatività dell'ANRC la preparazione dell'esposizione nautica "Navigare" in programma dal 19 al 27 ottobre prossimo al Circolo Nautico Posillipo di Napoli.

Presentata l'VIIIª edizione di Chioggia Vela, evento dedicato ai 70 anni del Circolo Nautico Chioggia

20190912 55CHIOGGIA, 10 settembre 2019 - È stata presentata stamane nel corso di una conferenza stampa presso la sede del Circolo Nautico Chioggia l'VIII edizione di Chioggia Vela, la manifestazione voluta ed ideata nel 2012 dal CNC e dal Comune di Chioggia con lo scopo di riproporre la centralità della vita di mare in una città tradizionalmente, culturalmente ed economicamente votata al mare.
Un'edizione - quella 2019 - con un sapore del tutto particolare, in quanto dedicata ai 70 anni dalla fondazione del Circolo Nautico Chioggia, ad oggi il sodalizio sportivo più longevo ed ancora attivo in città. Una lunga storia di amore e passione per la vela ed il mare in primis, nata nel 1947 ma concretizzata nel 1949, anno in cui i soci fondatori Mario Ballarin, Gustavo Fogagnolo, Angelo Carlo Perini, Dino Ravagnan e Giandomenico Tesserin decisero di costituire ufficialmente un circolo che fosse riconosciuto dall'USVI (Unione delle Società Veliche Italiane, l'attuale Federazione Italiana Vela).
A fare gli onori di casa il Consigliere con delega a Chioggia Vela Corrado Perini che ha illustrato come anche quest'anno il comitato organizzatore sia riuscito a mettere in piedi un ricco programma di eventi che inizieranno già sabato 14 e si concluderanno domenica 22 settembre. Si inizierà con la Bart Bash's, regata in contemporanea mondiale per ricordare Andrew Simpson, il velista inglese tragicamente deceduto nell'incidente di Coppa America che coinvolse l'imbarcazione svedese Artemis. Si proseguirà domenica 15 settembre con Meteorosa, l'evento voluto ed organizzato in collaborazione con YC Padova, la cui partecipazione è riservata ad equipaggi interamente femminili.
Venerdì 20 settembre l'Auditorium San Nicolò ospiterà la serata dal titolo "1949-2019. I 70 anni del Circolo Nautico Chioggia". Un'occasione per ripercorrere con filmati, racconti e fotografie dell'epoca il percorso del sodalizio dalle origini fino alla recente Stella d'oro conferita dal CONI proprio per questa importante ricorrenza.
Sabato 21 settembre alle ore 13:00 la partenza del Trofeo Chioggia Vela, il main event della manifestazione che vede già confermata la partecipazione di una imbarcazione che ha scritto pagina indelebili della storia della vela come Il Moro di Venezia. Una regata aperta a tutti: dai crocieristi dediti al turismo nautico, come a chi si diverte a regatare in assetto più competitivo e spirito agonistico. Una sfida contro imbarcazioni storiche, contro campioni del mondo, ma anche contro il proprio vicino di ormeggio, all'insegna del divertimento, l'amicizia e del rispetto marinaresco. Alle 18 il bacino di Vigo ospiterà la Meteor al Crepuscolo, mentre domenica 22 settembre il gran finale con le sfide lagunari del Trofeo Meteorsharing e - grazie alla collaborazione con la Scuola Sup Sottomarina - la possibilità di provare il SUP, pagaiando lungo i canali della città. Infine alle 18 le premiazioni presso la sede del Circolo Nautico Chioggia.
Particolare attenzione è riservata nel corso dell'VIIIª edizione di ChioggiaVela al delicato tema dell'ambiente, con la volontà da parte del Comitato Organizzatore di realizzare un'evento che possa essere sempre più Plastic Free. Nasce da quest'idea la partnership con ISPRA, che - come ha spiegato Daniela Berto - "grazie ai suoi ricercatori realizzerà nella serata dedicata ai 70 anni di attività del CNC un intervento sulla tematica delle plastiche in mare nell'ambito dell'iniziatica SCIENZAINSIEME "Metti una giornata di scienza ed ambiente a Chioggia". A tutti i partecipanti del Trofeo ChioggiaVela sarà inoltre fornita da VelaVeneta - all'interno del pacco gara - una borraccia, un gesto simbolico per sensibilizzare i partecipanti sulla riduzione ed eliminazione dell'utilizzo della plastica.
Ad oggi presso la segreteria del Circolo Nautico sono già iniziate a pervenire le prime conferme di partecipazioni: tra queste è ormai certa la presenza di un'imbarcazione che ha scritto pagine indelebili nella storia della vela come Moro di Venezia, così come non mancherà il team di TuttaChioggiaVela capitanato da Davide Ravagnan e Clori Boscolo che porterà in regata, al culmine di un percorso annuale, alcuni atleti Special Olympics.
Per la prima volta al fianco del Circolo Nautico Chioggia nell'organizzazione di ChioggiaVela anche Chioggia Yacht Group, l'associazione di categoria che riunisce i porti turistici e le darsene del territorio.
"Ringrazio tutte le realtà che anche quest'anno si sono dimostrate vicine e sensibili alle nostre iniziative - ha concluso Corrado Perini - ed auspico una sempre maggior collaborazione tra i vari circoli e associazioni del nostro territorio al fine di poter realizzare una sempre più grande e importante festa della vela nella nostra città".
È possibile seguire ChioggiaVela anche attraverso la pagina Facebook, visibile all'indirizzo www.facebook.com/ChioggiAvela, dove verranno pubblicate news, curiosità, reportage fotografici e video della manifestazione o attraverso il profilo Instagram, all'interno del quale verranno postate le istantanee più belle della manifestazione.
ChioggiaVela è organizzata dal Circolo Nautico Chioggia e dal Comune di Chioggia, con la collaborazione della Pro Loco Chioggia Sottomarina e di Chioggia Yacht Group. Media partner della manifestazione è il portale online Velaveneta.it, mentre collaborano per la miglior riuscita della kermesse la Lega Navale Italiana - Sez. Chioggia, la Lega Navale Italiana - Sez. Padova, Il Portodimare, lo Yacht Club Vicenza, Yacht Club Padova e I Venturieri. Parter della manifestazione sono: Darsena Le Saline, Porto Turistico San Felice, Darsena Mosella, Meteorsharing, Best Western Hotel Bristol, Panathlon Chioggia, l'associazione ONDA. La manifestazione gode del patrocinio del comune di Chioggia, dell'Università di Padova e del dipartimento MAPS dell'Università di Padova.

Sport Senza Barriere chiude con un grande successo a Luino

20190912 53Grande consenso a Luino per Sport Senza Barriere, evento dedicato all'inclusione ideato e organizzato da Unimpresa Federazione Nazionale Sport e Tempo Libero. Sono state infatti oltre 4500 le presenze registrate alla tre giorni che ha visto da venerdì 6 a domenica 8 settembre gareggiare atleti e amatori in oltre 20 discipline mettendo alla pari sportivi con disabilità e normodotati.
Grazie alla collaborazione del Circolo Velico AVAV (Associazione Velica Alto Verbano) e del Presidente Giovanni Moroni i piccoli velisti in erba si sono cimentati sabato con prove in acqua a bordo di Optimist e Laser. Michele Clemente ha invece imbarcato sul cabinato Thalassa un equipaggio di giovani non vedenti. Francesco Favettini, istruttore di I Livello Tavole a vela FIV e istruttore Windsurf e SUP VDWS, ha portato a Sport Senza Barriere gli atleti di "Corri sull'acqua... Windsurf 4 Amputees!", il primo progetto al mondo che avvicina i portatori di protesi allo sport del windsurf e recentemente ampliato a tutte le disabilità fisiche. Fra loro Massimiliano Manfredi, delegato provinciale del Comitato Paralimpico di Varese (CIP), che ha contribuito in modo determinante alla riuscita della manifestazione.
Una manifestazione scandita dalla costante attenzione per la sicurezza che ha portato nella giornata di domenica a sospendere le attività in acqua a causa del forte vento di oltre 25 nodi alzatosi nella notte e all'adozione da parte dei partecipanti agli sport acquatici del dispositivo di galleggiamento personale Kingii, Water Safety Partner dell'evento.

Leggi tutto: Sport Senza Barriere chiude con un grande successo a Luino

Aria e la sua nuova rotta

20190905 58Trieste - E' passato ormai un ventennio da quando ARIA è stata riportata, come doveva essere per una barca di così tanta eleganza e storia, a tutto il suo antico e autentico splendore. Dopo il primo restauro presso i cantieri dell'Argentario (1998), cui ne sono seguiti altri presso il Cantiere dell'Alto Adriatico di Monfalcone, l'8 metri Stazza Internazionale " 8-I.17", classe 1935, forgiato da quello stesso Ugo Costaguta, padre dell'olimpionica "Italia" (Kiel, XI Olimpiade), ha ripreso, nel 1999, a solcare i mari di tutta Europa partecipando alle regate più prestigiose della sua categoria, vincendo tutto quello che c'era da vincere, sapendo portare 'aria nuova' nella vita della sua armatrice, Serena Galvani, con cui ha sempre combattuto importanti battaglie che sono andate oltre le regate e oltre quelle raffiche di vento raccolte e affrontate durante tante meravigliose navigazioni. ARIA, foriera di forza ed energia nella vita di tutti i giorni, ha affrontato infatti sfide che sono andate ben oltre gli interessi personali, tanto che - come è noto – in suo nome Serena Galvani ha fondato l'Associazione "ARIE", Associazione per il Recupero delle Imbarcazioni d'Epoca, con lo scopo di coinvolgere tutti coloro che credono nella storia della nostra marineria e nella salvaguardia delle imbarcazioni di valore storico.

Leggi tutto: Aria e la sua nuova rotta

Previsioni meteo avverse La Lui&Lei rinviata a domenica 22 settembre

20190906 55VENEZIA, 5 settembre 2019 - La "Lui&Lei, un uomo ed una donna in vela", veleggiata prevista a Venezia per domenica 8 settembre ed organizzata dallo YC Venezia in collaborazione con Il Portodimare e Marina Sant'Elena è stata rinviata a causa delle previsioni meteo avverse.
A comunicarlo è lo stesso Comitato Organizzatore al termine di un briefing avvenuto nel pomeriggio di oggi presso la sede dello Yacht Club Venezia. "Per i prossimi giorni è previsto il passaggio di una depressione di origine artica particolarmente intensa - spiegano i membri del Comitato di Regata Gianfranco Frizzarin ed Emilia Barbieri - che porterà piogge e forti venti da Nord-Est. In accordo con gli altri componenti del Comitato abbiamo pertanto preferito rinviare l'evento ad una nuova data".
Data che - nonostante un fitto calendario - è già stata individuata come spiega il presidente dello YC Venezia ed ideatore dell'evento Mirko Sguario:"Appena ufficializzata la notizia del rinvio ci siamo subito attivati per trovare una nuova data disponibile. Scartata l'ipotesi del 15 settembre per l'eventuale concomitanza che si sarebbe con un'altra regata già in programma qui a Venezia abbiamo quindi optato per recuperarla il 22 settembre".
Appuntamento quindi a sabato 21 settembre, quando in serata sarà in programma il momento conviviale tra gli equipaggi presso i locali della Scuola Navale Militare Francesco Morosini, mentre domenica 22 settembre il segnale di partenza è fissato alle ore 13.00.
Al fianco dello Yacht Club Venezia nell'organizzazione di importanti appuntamenti sportivi anche importanti aziende quali Generali, Astoria Wines, Acqua dell'Elba, Thun, Bevini, Fonte Azzurrina. Da sottolineare inoltre anche il supporto offerto allo yacht club da Bellini Cannella, Bristot, Alibert, 32 Via dei Birrai, Alterego, Pettenon Cosmetics, Officina Bernardi, Gianmarina Amatori, Alilaguna.
Per la migliore riuscita dell'evento si ringrazia inoltre: Hotel Luna Baglioni, Hotel Cà Sagredo, Hotel Centurion, Hotel Londra Palace, Rifugio Orso Bruno, Val di Sole Trentino.

Meteor: Nel weekend a Chioggia il Trofeo dell'Adriatico

20190905 55CHIOGGIA, 4 settembre 2019 - Inizia con il Trofeo dell'Adriatico, manifestazione riservata alla classe Meteor ed in programma nel prossimo weekend l'intenso mese di settembre del Circolo Nautico Chioggia. Periodo che culminerà nel weekend compreso dal 20 al 22 con il main event Chioggia Vela, appuntamento che verrà presentato nel corso di una conferenza stampa martedì 9 p.v.
Dopo aver raggiunto la maggiore età nella scorsa edizione il Trofeo dell'Adriatico torna ad essere - anche quest'anno - uno importante spartiacque per i tanti equipaggi presenti in vista del Campionato zonale di classe della XII ZONA FIV.
L'evento, organizzato dal Circolo Nautico Chioggia in collaborazione con la locale flotta della classe, avrà come base logistica Darsena Le Saline. Il programma prevede la disputa - nell'arco del weekend - di un massimo di sei prove da disputarsi sul campo di regata permanente situato dinnanzi la spiaggia di Sottomarina.
In palio, oltre al Trofeo dell'Adriatico al primo classificato anche premi alle prime tre imbarcazioni classificate.
Il Meteor, imbarcazione di sei metri di lunghezza con tre persone di equipaggio, è nato nel 1968 dalla matita dell'architetto olandese Van de Stadt. Ancora oggi, dopo 50 anni dall'inizio della sua produzione in serie, questo scafo continua ad essere uno dei monotipi cabinati più diffusi in Italia, grazie alla particolare linea ottimizzata per la navigazione nei mari e nei laghi italiani.
La flotta di Chioggia, tra le più longeve ed attive in Italia è nata nel corso degli anni '80 e l'attività di quegli anni era culminata nel 1989 nella vittoria ai Campionati Italiani di Riva di Traiano dell'imbarcazione Kookadurra del CNC timonata da Franco Corazza e nell'organizzazione del Campionato Nazionale dell'anno successivo rivinto peraltro ancora dall'imbarcazione del Circolo Nautico Chioggia. Negli anni successivi a quella eccezionale doppietta l'attività della Flotta Meteor andò gradualmente sgonfiandosi per poi riprendere sul finire degli anni '90 sotto la spinta di nuovi armatori che ricominciarono a rendere massiccia la presenza del Meteor nelle acque chioggiotte. Sulla spinta di questo nuovo entusiasmo il CNC organizzò nel 2001 la prima edizione del Trofeo dell'Adriatico Meteor, mettendo in palio un bellissimo trofeo girante rappresentante una vela stilizzata in legno, manufatto del mitico artigiano chioggiotto Bepi Bragosseto.

free joomla templatesjoomla templates
2019  Voglia di Vela   designed by Davide Casadio