Al Circolo Velico Ravennate si riparte dai raduni federali Optimist e 29er

20200702 55Marina di Ravenna, 2 luglio 2020 - Entra nel vivo la stagione del Circolo Velico Ravennate che ritorna all'agonismo velico ospitando due importanti raduni federali riservati al mondo delle derive accogliendo gli specialisti delle classi Optimist (1-5 luglio) e 29er (29 giugno - 2 luglio) e, con essi, due coach federali di grande esperienza come Marcello Meringolo e Francesco Caricato.
Per quanto riguarda gli Optimist, di scena nelle acque di Marina di Ravenna sono sia Juniores che Cadetti, per un totale di una trentina di partecipanti, provenienti principalmente dal Circolo Velico Ravennate, ma anche dal Circolo Velico Punta Marina e dal Club Nautico Riccione. A coordinarne l'attività tre coach: Marcello Meringolo, allenatore tra i più quotati in ambito internazionale, Gianni 'Spike' Maioli, storico volto del sodalizio di via Molo Dalmazia, ed Elia Vitali, da poco nominato istruttore dei Cadetti.
Quattro, invece, gli equipaggio 29er impegnati a sud delle dighe foranee del porto di Ravenna e tra essi anche un binomio sloveno, composto da Rom Verderber e Daniel Cante, assistiti dal loro coach Sandi Dekleva. A comporre gli altri tre equipaggi Lorenzo Pezzilli (CVR) e Tobia Torroni (Club Nautico del Savio), Greta Marzocchi e Giada Babini (entrambe CVR) e Sofia Gabbricci e Raffaella Trucchi (entrambe Club Nautico del Savio). Anche in questo caso eccellente il supporto tecnico, garantito dal tecnico federale Francesco Caricato e de Carolina Rendano, coach in forze da diverse stagioni al Circolo Velico Ravennate.
"L'attività sportiva è alla base della vita del circolo, è quella che aiuta giovani e meno giovani a fare aggregazione, a vivere la nostra clubhouse ed è un piacere vedere come le cose stiano gradualmente tornando alla normalità - commenta Carlo Mazzini, consiglieri del Circolo Velico Ravennate - Siamo molto contenti di ospitare questo doppio raduno e di poter contare sulle capacità di coach navigati come Marcello Meringolo e Francesco Caricato: loro, come i vari Spike Maioli, Elia Vitali e Carolina Rendano, hanno tanto da trasmettere agli atleti e non passa uscita senza che sia possibile notare una crescita, un cambiamento nell'approccio di questi giovani atleti che apprendono divertendosi".

90 e 70 anni di vela sul Garda

20200702 54GARGNANO-LAGO DI GARDA - Il prossimo 4 luglio saranno 90 anni. Tanto tempo è passato dalla "Regata dei Bragozzi" da trasporto del 1930, che vide (in quella seconda edizione) per la prima volta in gara tra le vele "non da lavoro", tra queste il "Galeotto", di fatto la prima carena da regata del lago di Garda. Il ricordo di quell'evento è oggi rappresentato dall'imbarcazione che grazie ai fratelli gargnanesi Luciano e Lorenzo Magrograssi ancora veleggia sul Benàco. In questo strano anno i 90 anni del Galeotto si legano a doppio filo ai 70 anni della Centomiglia (che si correrà il 5-6 settembre come sempre sull'intero periplo lacustre). L'anterprima di questi eventi si avrà dal 18 luglio in poi con le Regate, i Test, l'Academy degli scafi della serie Persico69F, le piccole barche alate che avranno a bordo appassionati, armatori e un gruppo di grandi professionisti della vela italiana.
GALEOTTO & BARCHE VOLANTI
Il "Galeotto" vinse in quel lontano 1930, la seconda regata dei Bragozzi, la prima aperta alle barche non da lavoro, come venne classificato allora il "Cutter" gardesano-trentino. Il destino, ma qui è il caso di parlare di passione pura, ha voluto che questa barca classica sia finita dagli anni '80 nei porti di partenza della Centomiglia, al Marina di Bogliaco.
La prima sfida velica, della storia lacustre, si corse – in verità – nell'estate del 1929 a Riva del Garda. Era la "Regata dei Bragozzi", gli scafi a vela da trasporto. In quella occasione vinse, nella categoria fino a 30 tonnellate, la «Genova», scafo armato dalla famiglia gargnanese dei Braghieri, che poi fu il primo battello «appoggio» alla Centomiglia del '51. Successivamente la «Genova» venne ribattezzata «Marola», e armata dall'attore Fabio Testi. La gara dei Barconi si disputò nuovamente nel 1930. In quell'occasione esordì e vinse tra le vele "non da lavoro" proprio il "Galeotto". In origine era il Cutter austriaco "Sirius", poi recuperato dal fondo lago (gli austriaci non volevano che finisse in mani italiane). Tra la fine dell'800 e i primi anni del '900 a bordo di "Sirius" navigarono, tra gli altri, l'arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo, il cui assassinio (Sarajevo 1914) fu la causa dello scoppio della prima guerra Mondiale. Alcune foto del 1910 mostrano l'Arciduca mentre sale a bordo a Riva delGarda. Il "Galeotto" fu, per anni, la prima ammiraglia di una piccola flotta della Canottieri S.S. Benacense, quella che poi divenne la Fraglia della Vela di Riva. In tempi più recenti vi salirono grandi skipper , tra loro l'ammiraglio rivano Luciano Dassatti, già comandante generale della Guardia Costiera Italiana. Oggi il "Galeotto" è la barca Vip delle regate del Circolo Vela Gargnano grazie alla passione dei fratelli Luciano e Lorenzo Magrograssi di Villa di Gargnano, due velisti di grande valore, Campioni Italiani nel 1968 con l'olimpico Flying Dutchmann. Il Circolo Vela ha anche recuperato la copia del trofeo che nel 1930 venne assegnato ai vincitori della gara velica di Riva del Garda, un trofeo in peltro donata all'epoca da Gabriele D' Annunzio. Tutte le iniziative dei 70 anni della Centomiglia del Circolo Vela Gargnano hanno come partner logistici i consorzi degli operatori turistici di Garda Lombardia, il progetto Eway (Car sharing auto e moto elettriche di Garda Uno), Visit Brescia-Brescia Tourism, la Destination Management Organization che promuove il turismo di Brescia e della sua provincia, e che sta lavorando e coordinando la ripartenza dei laghi di Garda, Iseo, Idro.

CN Riva di Traiano: partono insieme il 20 settembre 2020 la Garmin Marine Roma per 2 e la Giraglia

20200702 52Roma, 1° luglio 2020 - Riparte la vela d'altura a Riva di Traiano con due regate in contemporanea, la "Garmin Marine Roma per 2" e la "Roma-Giraglia", entrambe in programma nella settimana che va dal 20 al 27 settembre 2020. Uvai e Fiv hanno rivisto il calendario e rimodulato gli spazi delle regate non cancellate trovando, in pieno accordo con il CNRT, una soluzione innovativa che farà partire insieme queste due regate storiche del Tirreno, che potranno entrambe essere disputate in solitario, in doppio o in equipaggio.
Vista la concomitanza degli eventi il Comitato Organizzatore ha ritenuto di sostituire la regata Riva per Tutti, per Due e in Solitario, che prevedeva il percorso fino a Ventotene e ritorno, con la Roma-Giraglia con percorso fino allo scoglio della Giraglia e ritorno con equivalente numero di miglia. Gli iscritti alla Riva potranno decidere in autonomia se confermare l'iscrizione in questa nuova regata. Anche gli iscritti alla "Roma" saranno confermati, se lo vorranno, nelle nuove date.
"La disponibilità della data della Giraglia - spiega il presidente del CNRT Alessandro Farassino - ci ha spinto verso questa soluzione per riprogrammare la Garmin Marine Roma per 2, che non abbiamo voluto annullare sperando in una soluzione positiva che ora sembra profilarsi. Scegliere altre date più "estive" non è nello spirito di questa regata né, in generale, nel Dna del circolo. Partiremo a cavallo dell'autunno e speriamo che ci siano condizioni ideali per una regata tosta come è da sempre la Roma".
Il percorso della Garmin Marine Roma per 2 andrà da Riva di Traiano e Lipari con un passaggio a Ventotene per complessive 539 miglia, mentre la Roma Giraglia punterà a nord, verso Capo Corso e lo scoglio della Giraglia per 255 miglia attraverso gli splendidi scenari dell'arcipelago toscano.
A breve verranno pubblicate le modifiche al Bando di regata della Garmin Roma ed il Bando di regata della Roma-Giraglia.
Durante la manifestazione saranno garantite le disposizioni sanitarie nazionali di prevenzione Covid-19 e verranno adottate tutte le misure previste dalle Autorità Sportive al fine di svolgere la manifestazione in totale sicurezza.

Conclusa l’assemblea delle Società affiliate alla Federazione Italiana Vela Sicilia

20200630 55Domenica 21 Giugno 2020, alla presenza dei rappresentanti delle Società della VII Zona (Sicilia) della Federazione Italiana Vela (FIV) e degli atleti, si sono svolti, allo Sporting Village di Palermo i lavori della partecipatissima Assemblea, la 76^ della VII Zona, introdotti dalla relazione del Presidente della VII Zona, Francesco Zappulla.
«Un incontro fortemente cercato e voluto dal Comitato – ha esordito il Presidente – che in questo delicato momento della ripresa dopo il fermo pressoché totale delle attività, ha ritenuto di essere vicino ad atleti e Società e continuare a percorrere insieme a loro il cammino, già ricco di successi, dell'anno passato. Abbiamo ritenuto, perché fosse davvero festa - ha ricordato il Presidente Zappulla – che si celebrasse la premiazione dei campioni unitamente ai temi della ripresa e cioè il rilancio dello sport della vela grazie alla Scuola Vela.»
Oltre alla premiazione, si è svolta una seduta di aggiornamento di istruttori e dirigenti finalizzata al tema della Scuola Vela, tenuta dal Consigliere Nazionale FIV Ignazio Florio Pipitone. «. . . ed anche in VII Zona abbiamo così . . ."ritrovato la bussola" – ha commentato Zappulla - come recita lo slogan della Federazione italiana Vela»
Genitori, atleti e dirigenti hanno potuto rivivere in un momento di convivialità i successi che per la VII Zona e per lo sport della vela hanno realizzato i singoli atleti e le singole Società.

I PREMIATI
Tutti sono stati applauditi dai presenti, ma si è scatenata una ovazione nel momento in cui è stato chiamato per ricevere i premi il giovane campione del Circolo Nautico NIC di Catania, Tommaso De Fontes, il . . .vincitore per eccellenza del 2019 della vela, possiamo definirlo, in quanto ha fatto proprio incetta di premi; ecco cosa ha vinto: Campionato mondiale Optimist a squadre, Campionato italiano Optimist; Campionato zonale Optimist, Coppa Sicilia Optimist, Trofeo del Comitato Optimist, Coppa Aico Optimist e, ciliegina sulla torta che non poteva mancare, ha vinto il Premio intitolato ad un grande della vela in Sicilia, Miky Guccione. Premio che viene assegnato all'atleta più meritevole dell'anno e che in passato è stato appannaggio di: Francesco Bruni del Club Canottieri Roggero di Lauria nel 1989, Mario Noto della Società Canottieri Marsala nel 1993, Alessandra Sensini dell'Albaria Windsurfing Club nel 1996, Gabriele Bruni del Club Canottieri Roggero di Lauria, nel 1999, Laura Linares della Società Canottieri Marsala, nel 2003, Riccardo Belli dell'Isca del Clubino del Mare nel 2010 solo per citare i più famosi. I titoli di campione del Mondo a squadre e di Campione italiano Optimist come ha ricordato il Presidente Zappulla, mancavano da gran tempo alla VII Zona e Tommaso De Fontes ha provveduto.
Ma Tommaso nel corso del 2019 ci ha abituato a vederlo sul podio di diversi appuntamenti internazionali come ad esempio il primo posto a squadre (ama il team Tommaso) nell' "Opti Team Cup" prestigiosa regata internazionale giunta alla 32^ edizione organizzata dal Potsdamer Yacht Club sul Lago Wannsee a pochi km da Berlino.
Eccellenze della vela anche in campo femminile. A primeggiare nell'ambito della Classe Optimist sono Silvia Adorni della Società Canottieri Marsala, Alessandra Grasso e Gilda Nasti del Circolo Nautico NIC. Silvia Adorni, insieme a Chiara Cartia del Circolo Velico Kaucana, Michele Adorni e Pietro Incarbona della Società Canottieri Marsala, hanno riportato la vittoria in un evento interdisciplinare internazionale denominato Giochi delle Isole. Silvia ai giochi delle Isole ha anche vinto il primo posto assoluto e primo femminile ed è risultata prima classificata femminile juniores in Coppa Sicilia Optimist e Trofeo del Comitato. Alessandra Grasso ha conquistato il primo posto femminile juniores In Coppa Aico (Associazione Italiana Classe Optimist) VII Zona. Gilda Nasti è la prima classificata femminile Cadetti in Coppa Sicilia. Il primo classificato tra i Cadetti in Coppa Sicilia è la new entry del Circolo Nautico NIC Pietro Moncada; nel Trofeo Comitato il primo Cadetto è Domenico Scuderi del Circolo del Tennis e della Vela Messina ed il primo cadetto in Coppa AICO è Derek Figurelli del Club Canottieri Roggero di Lauria.
Nell'altra Classe velica in crescente sviluppo numerico e di qualità in Sicilia, la Classe Laser, si è distinto a livello nazionale Giovanni Sanfilippo del Club Canottieri Roggero di Lauria 3° classificato under 21 nel Campionato Italiano Classi Olimpiche Laser Radial. Nel Campionato zonale siciliano il primo della Classe Radial è Carlo Sbacchi del Club Canottieri Roggero di Lauria mentre a livello femminile la prima è Giulia Schio della Società Canottieri Marsala, seconda assoluta. A conquistare un altro titolo nella Classe Laser Radial, in Categoria Master, è Alice Grassi del Club Canottieri Roggero di Lauria che riceve il premio, applauditissima, per il primo posto nel Campionato Italiano. A vincere il Campionato zonale nella Classe 4.7 è Lorenzo Caputo della Società Canottieri Marsala che ha cominciato con determinazione a farsi strada. Giorgia Palazzo del Club Canottieri Roggero di Lauria è la prima delle ragazze nel Campionato zonale 4.7.
Grazie sempre all'impegno di due ragazze vanno crescendo di anno in anno sempre di più i risultati di una Classe velica in doppio, la 29er, classe giovanile preolimpica propedeutica alla più impegnativa 49er. Le ragazze, anche loro, ottime collezioniste di risulati a livello internazionale e nazionale, sono le sorelle Sofia e Marta Giunchiglia del Circolo Velico Sferracavallo che nel corso del 2019 hanno riportato il 7° posto in classifica femminile al Campionato del Mondo giovanile di Gdynia in Polonia, primo posto in classifica femminile all'Eurocup di Barcellona,secondo posto in classifica femminile all'Eurocup del Garda ed il primo posto femminile e terzo assoluto al Campionato italiano, la vittoria assoluta nella prima regata nazionale a Palermo, primo posto in classifica femminile e secondo assoluto nella seconda regata nazionale della Classe a Napoli.
Premi di prestigio sono andati anche ad armatori e timonieri della Classe di Altura e minialtura dove gli armatori della VII Zona si adoperano con successo ad integrare gli equipaggi ormai confermati con nuovi giovani elementi che arrivano dalle derive.
Allegato l'elenco completo dei premiati
Alla festa per i risultati si aggiunge adesso il tripudio per il ritorno in mare per le regate zonali e nazionali.
Il presidente Zappulla aveva già annunciato che sarebbe stato necessario ripartire con le regate in quanto per la Classe Optimist, i risultati sarebbero stati necessari per acquisire una ranking zonale ai fini dell'accesso ai Campionati italiani, Coppa Presidente, Coppa Primavela e Coppa Cadetti. Ecco le prime date per le classi Optimist e Laser; per quest'ultima Classe allenatori e atleti, assetati di mare, hanno proposto che la durata delle regate fosse di tre giornate invece che due.
Optimist
9 e 10 Luglio: Selezione Zonale a squadre - Circolo Velico Marsala;
11 e 12 Luglio: prima selezione zonale per Campionato italiano, Coppa Presidente, Coppa primavela e Coppa cadetti – Circolo Velico Marsala
25 e 26 Luglio: seconda selezione zonale per Campionato italiano, Coppa Presidente, Coppa primavela e Coppa cadetti organizzata da Club Nautico Augusta, Circolo Nautico NIC e Circolo Velico Ribellino Siracusa.
Laser
3,4,5,Luglio: seconda prova Campionato Zonale – Società Canottieri Marsala;
17,18,19 Luglio: terza prova Campionato Zonale – Porto turistico Marina di Ragusa organizzata dal Circolo Velico Kaucana.

Francesco Micalizzi

“1 clic = 1 metro”: il fundraising di Prysmian Group legato al suo progetto Vendée Globe, passa dalla rete sociale

20200630 56La solidarietà può essere un valore chiave nella ricostruzione del mondo post-lockdown. È con questo spirito che nasce l'iniziativa "1 click = 1 metro", ideata da Prysmian Group e Electriciens sans frontières, associazione senza scopo di lucro che il colosso italiano sostiene da tempo nella sua missione di portare l'accesso all'energia elettrica alle popolazioni che ne hanno bisogno.
La solidarietà, il fare qualcosa per gli altri, per le persone, 4PEOPLE, è lo spirito che anima le azioni comuni di Electriciens sans frontières e Prysmian Group, tra cui la sponsorizzazione del progetto Vendée Globe affidato a Giancarlo Pedote, da 13 anni skipper dell'azienda leader mondiale nel settore dei sistemi in cavo per energia e telecomunicazioni.
La missione dell'associazione Electriciens sans frontières viene valorizzata attraverso il progetto velico di Giancarlo Pedote, che porterà questo spirito di solidarietà in tutto il pianeta grazie alla partecipazione ad una delle più dure prove sportive: il giro del mondo in solitario e senza scalo, il Vendée Globe, che partirà l'8 novembre.
Ispirandosi a varie iniziative volte a raccogliere donazioni, gli attori del progetto Vendée Globe 2020 Prysmian Group, hanno deciso di lanciare l'operazione "1 clic = 1 metro". Durante tutto il mese di luglio, questa iniziativa permetterà di raccogliere i cavi elettrici necessari per assicurare nuovamente la fornitura di elettricità agli edifici pubblici e comunitari in tutta Dominica, dopo che quest'isola caraibica è stata devastata dall'uragano Maria nel 2017.

Un fundraising solidale
Nel settembre 2017, l'uragano Maria ha devastato l'isola di Dominica: oltre alla drammatica perdita di vite umane, il 98% degli edifici è stato danneggiato o distrutto, e praticamente tutta la rete elettrica dell'isola è stata compromessa. A causa di questa calamità naturale gli ospedali e i centri sanitari hanno smesso di avere accesso ad elettricità ed energia e non sono stati in grado di fornire assistenza agli abitanti. Due anni fa, spinto dal Ministero della Salute e dal Ministero dell'Energia della Dominica, Électriciens sans frontières ha iniziato un'importante campagna di rinnovamento e transizione energetica. Sono stati installati pannelli solari che all'occorrenza possono essere smontati, permettendo agli isolani di essere autosufficienti in caso di un nuovo uragano, riducendo al contempo le emissioni di gas ad effetto serra dell'isola.
La ricostruzione del sistema elettrico all'interno dei centri sanitari ancora in corso è realizzata dai volontari di Électriciens sans frontières, che stanno fornendo una vasta gamma di apparecchiature elettriche.

Leggi tutto: “1 clic = 1 metro”: il fundraising di Prysmian Group legato al suo progetto Vendée Globe, passa...

La Riviera del Conero apre le porte alla vela

20200630 54Numana, 25 giugno 2020. Quello di sabato e domenica prossimi, per i numanesi e per i molti turisti già arrivati nella Riviera del Conero, sarà un weekend all'insegna del mare, della vela e della sicurezza, grazie all'evento "Vela Day", organizzato dallo Yacht Club Riviera del Conero all'interno del porto turistico. "La vela non è solo divertimento e sicurezza per tutta la famiglia ma anche una disciplina che educa al rispetto del mare e delle regole, attraverso l'avventura, la cultura marinaresca, lo spirito di squadra e la sostenibilità", si legge in una nota della Federazione Italiana Vela (FIV).
Questi sono infatti i valori fondanti dell'iniziativa, che la FIV ha sempre organizzato anche negli anni precedenti ma che quest'anno viene messa al centro della campagna "Ritrova la Bussola", pensata per rilanciare la vela in totale sicurezza nelle fasi 2 e 3 del post-epidemia. Quello che prenderà vita sabato e domenica sarà un vero e proprio porte aperte durante il quale padri, madri, figli e figlie, grandi e piccoli potranno avvicinarsi alla vela, ricevendo nozioni teoriche basilari e provando l'ebbrezza della navigazione con il vento. "Una grande risposta da parte della Federazione che sicuramente piacerà ai velisti marchigiani - spiega il velista numanese Vincenzo Graciotti, oggi presidente FIV Marche - Una comunicazione così importante sui media e l'appoggio delle Istituzioni ci volevano per superare un momento critico. Mi auguro che questa buona pratica continui in futuro, magari con qualche accorgimento per renderla sempre più interessante ed appetibile per le nuove generazioni. Allargando la cultura del mare e della vela si innesca, a mio parere, quel processo magico che fa appassionare a questo sport persone di tutti i tipi, stimolando anche i più piccoli a emulare i propri beniamini".
Oltre a uno stand di accoglienza e front office, allestito nel piazzale del porto, lo Yacht Club Riviera del Conero metterà a disposizione dei curiosi due derive olimpiche (un Laser e un Finn), due windsurf (tradizionale e con i foil), un monotipo J24 e un cabinato d'altura per visite e brevi veleggiate gratuite, con la supervisione degli istruttori FIV e il supporto della scuola vela autorizzata "Perla del Conero".
Ma le sorprese non finiscono qui. Sabato mattina parteciperà al Vela Day numanese anche Giorgia Speciale (C.C. Aniene), 19enne reginetta del windsurf, che proprio nelle acque del Conero ha iniziato una carriera costellata di successi: una medaglia d'oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires, 5 ori, 2 argenti e 3 bronzi conquistati nelle precedenti edizioni dei campionati mondiali giovanili.
Oltre a Speciale, la campagna "Ritrova la Bussola" può contare su altri grandi nomi della vela nostrana per la promozione sul territorio: Alberto e Claudia Rossi, rispettivamente campione del mondo Farr40 e campionessa europea J70, e Irene Tari, campionessa italiana juniores di kitesurf.

free joomla templatesjoomla templates
2020  Voglia di Vela   designed by Davide Casadio