Patrick Phelipon in oceano al tempo del virus

20200617 53Pisa, 15 giugno2020 - Dopo aver concluso bene il 2019 con la vittoria all'ARC+ nel ruolo di co-skipper del trimarano "Minimole" (Neel 47 dell'armatore lombardo Aldo Fumagalli) Patrick Phelipon ha dovuto modificare i suoi programmi e confermare suo malgrado che, complice il Covid 19, non potrà partire quest'anno come programmato, per intraprendere il suo giro del mondo in solitario senza scalo sulla rotta di Moitessier.
Infatti dopo il rientro in Italia dai Caraibi all'inizio di gennaio 2020 i lavori di refitting di Elbereth, un Endurance 35 con cui il più italiano dei navigatori francesi intende partire per la sua impresa sugli oceani del mondo, si sono fermati come per tutte le attività anche nel Cantiere Navale del Serchio a Marina di Pisa dove attualmente si trova l'imbarcazione. Un ritardo incolmabile ai fini di avere la barca pronta per la partenza fra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno 2020, cioè il periodo favorevole per intraprendere questo tipo di navigazione dal Mediterraneo verso i mari del sud.
Patrick Phelipon nei primi mesi dell'anno, quando ancora non si era manifestata l'emergenza sanitaria e il conseguente "lockdown", avrebbe dovuto partecipare ad alcuni turni di charter con "Minimole" prima di riportare in Italia quest'ultima per l'utilizzo estivo in Mediterraneo.
Dapprima ha dovuto annullare la sua presenza per i charter in programma, ma comunque l'impegno di riportare il trimarano di Aldo Fumagalli veniva confermato e perciò Phelipon ritornava in Martinica a Le Marin e da lì, la mattina del 14 marzo, ripartiva per la traversata atlantica con altri tre membri d'equipaggio: Il team era così composto: Marco Bolognese originario di Bolzano, ma trapiantato ormai a Livorno dove svolge il suo lavoro di attrezzista nautico, Raffaele Velardocchia, presidente Assonautica di Ancona e Alessandro Cipriani di Montecatini Terme. Tutti velisti ma al loro battesimo dell'Atlantico.

"Siamo riusciti a lasciare i Caraibi, appena in tempo prima che anche lì chiudessero tutto (in Mediterraneo i porti sono stati chiusi il 16 marzo) – ha raccontato Phelipon al suo arrivo in Italia – e abbiamo avuto un trasferimento a dir poco movimentato, per tutta una serie di motivi. Una volta lasciato il porto in Martinica abbiamo fatto rotta sulle Azzorre dove siamo arrivati dopo 19 giorni di navigazione, due giorni in più rispetto ai tempi previsti poiché in avvicinamento a Horta (eravamo a circa 90 miglia), sull'isola di Faial, ci siamo trovati nel bel mezzo di una burrasca con onde fino a 8 metri e vento da prua fino a 50 nodi che ci ha costretto a ripercorrere all'indietro quasi un centinaio di miglia. A Horta ci siamo fermati 5 giorni, praticamente relegati in testa a un pontile galleggiante (approntato per l'occasione) dove però abbiamo potuto fare rifornimento di carburante e di cambusa. Fortunatamente il famoso Peter's Cafe ha provveduto a rifornirci di cibo in tutto il periodo della permanenza.
Da Horta siamo ripartiti il 7 aprile con rotta verso Gibilterra: durante questa parte di trasferimento abbiamo avuto anche un suggestivo incontro con un branco di orche, bellissime, ma anche un po' inquietanti, con questi enormi mammiferi marini c'è sempre il rischio di prendersi una "testata" in grado di produrre danni gravi agli scafi di un trimarano. In avvicinamento allo stretto di Gibilterra – che poi abbiamo passato il 14 aprile – abbiamo potuto solamente fermarci una notte all'ancora all'ingresso del porto di Barbate, essendo stati "rifiutati" dalla Guardia Civile, prima di proseguire per Cartagena dove abbiamo fatto una sosta tecnica di 24 ore per il carburante e la cambusa.
Da lì infine, era il 17 aprile, siamo ripartiti facendo rotta sulle Baleari dove di nuovo abbiamo dovuto evitare una burrasca: ci siamo riparati a Cabrera (senza scendere a terra) e finalmente una volta passata la burrasca (forza 7/8!) il 21 aprile siamo ripartiti alla volta del Marina di Pisa, nostro porto d'arrivo in Italia.
E lì siamo finalmente atterrati la mattina del 25 aprile dove ci aspettavano tutte le autorità collegate al nostro rientro sotto emergenza Covid19 e dove abbiamo passato qualche ora a compilare documenti ed a rispondere a numerose domande di rito prima di poter rientrare ognuno a casa propria".

"Il bilancio di questa traversata, pur con tutti i diversi problemi è comunque positivo la navigazione è stata tendenzialmente buona, abbiamo usato molto il timone automatico e la barca si è comportata molto bene, non abbiamo avuto danni anche perché abbiamo usato molto spesso vele terzarolate, la trinchetta con uno strallo fisso e la tormentina per non stressare troppo l'attrezzatura, soprattutto nelle condizioni estreme. Abbiamo avuto solo un piccolo incidente durante una discesa in surf su un'onda (alla bellezza di 28 nodi!) abbiamo perso la zattera autogonfiabile ( sistemata all'estrema poppa sullo scafo centrale), che però fortunatamente anche in seguito non è servita!"

Ora Phelipon sta ora lavorando sulla riprogrammazione della sua avventura in attesa di avere il via definitivo alla ripresa dei lavori in cantiere per Elbereth: appena possibile rimodulerà il progetto e stabilirà un nuovo calendario.

Nella foto l'equipaggio di Minimole, da sinistra Marco Bolognese, Alessandro Cipriani,Patrick Phelipon e Raffaele Velardocchia

Ritrova la bussola: Il progetto Scuola Vela FIV

20200617 51Riaprono i Circoli Velici: al via le Scuole Vela FIV
Corsi di vela per tutti: i messaggi della promozione per giovani e famiglie
Giornate di formazione e incontro tra domanda e offerta per Circoli e Istruttori
A metà giugno online il video teaser con i grandi testimonial della vela
L'Italia prova a ripartire e la vela vuole fare la sua parte: "Ritrova la bussola" è il messaggio che contiene la proposta più giusta per le vacanze, le Scuole Vela FIV riaprono da metà giugno e resteranno attive fino a tutto agosto, con una offerta di corsi per tutte le esigenze. Con una certezza: la Vela è la scelta più giusta dell'estate, per la sicurezza e il rispetto di precisi protocolli sanitari. Andare in barca a vela è l'attività ideale, sostenibile, nella natura e priva di rischi.

I MESSAGGI CHIAVE DELLA SCUOLA VELA FIV - La Federvela punta a mantenere e aumentare i numeri delle stagioni passate, con oltre 40.000 allievi ai corsi di vela federali. Sono in partenza per i Circoli Velici e le Scuole Vela FIV i Kit del Progetto "Ritrova la Bussola", tra cui un flyer che sotto la guida del personaggio "Ale Surfini" (il fumetto della supercampionessa olimpica Alessandra Sensini) contiene i cinque messaggi rivolti al pubblico e che identificano i valori della Vela. Eccoli.

DIVERTIMENTO
Dai 6 ai 90 anni, la vela è divertimento per tutti. Scopri qual è la barca o la tavola giusta per te! Scegli un singolo se ami la solitudine e il silenzio. Una barca familiare se vuoi condividere la navigazione. Il windsurf se vuoi sentire il vento tra le mani. Il Kite se vuoi volare sull'acqua.

FAMIGLIA
Ricominciamo dalla vela! Divertimento e sicurezza per tutta la famiglia. La disciplina più educativa e di crescita, che stimola il fisico e la mente. Lo sport del rispetto del mare e delle regole. Avventura, cultura marinaresca, spirito di squadra e solidarietà. Sotto la guida dei qualificati Istruttori FIV. Corsi speciali pensati per la famiglia: genitori e figli sulla stessa barca!

SICUREZZA
Questa estate sarà diversa, massima attenzione alla sicurezza e ai protocolli sanitari. Il Circolo Velico è uno dei luoghi più sicuri e organizzati: sanificazioni, distanziamento, dispositivi, aree dedicate alle Scuole Vela FIV. A terra e in acqua con il Protocollo FIV secondo le linee guida dei Ministeri della Salute e dello Sport, del CONI e dei Medici Sportivi. In una Scuola Vela l'unico rischio è... divertirsi troppo!

NATURA
Lo sport più naturale, a contatto con gli elementi: il vento, le onde, l'acqua, il cielo. Per imparare che la natura deve essere amica e alleata. Tutti i Circoli Velici hanno speciali attenzioni alla sostenibilità e alla salvaguardia dell'ambiente marino, anche nei nostri corsi. "Una giornata di vela vi farà toccare da un sentimento nuovo: la gioia".

AL VIA LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE - A metà giugno partirà anche la prima fase della campagna di comunicazione a supporto del Progetto "Ritrova la Bussola": il primo passo sarà un video teaser che contiene le immagini simbolo di un corso di vela e gli interventi di alcuni grandi testimonial del mare: oltre ad Alessandra Sensini, sono presenti il navigatore Giovanni Soldini, lo skipper di Luna Rossa Max Sirena, gli azzurri della vela olimpica Mattia Camboni, Maelle Frascari, Caterina Banti. Dopo il video di lancio, saranno online anche i video dei singoli personaggi.

L'AIUTO DEI MEDIA - La Federvela punta molto sulla collaborazione dei mezzi di informazione, nazionali e locali, stampa, web, radio e tv, che già hanno risposto al lancio del progetto, e che saranno al centro di altre iniziative di promozione. Importante anche il ruolo dei social, che saranno veicolo dei messaggi promozionali delle Scuole Vela FIV con apposite campagne.

LA FORMAZIONE SPECIALE PER CIRCOLI E ISTRUTTORI - Una parte qualificante del Progetto "Ritrova la Bussola" è il rinforzo del programma di incontri, già previsti nella Normativa Scuola Vela 2020 nel quadro degli aggiornamenti obbligatori per gli Affiliati e i loro Collaboratori, rimodulati in base alle esigenze legate al Covid-19.
L'obiettivo è fornire gli strumenti di conoscenza sempre più adeguati alle complessità di gestione delle scuole di vela, con moduli teorici on-line e dal vivo, indicazioni su normative vigenti, gestione, modulistica, e approfondimenti sulla didattica e la sicurezza durante le attività di scuola vela.
Le due giornate di formazione sono aperte a tutti i dirigenti sportivi, Istruttori e collaboratori delle scuole di vela previo accredito e indicazione dei ruoli, incluse le figure di segreteria, amministrazione, pubbliche relazioni. Ai partecipanti viene rilasciato un attestato, e per i tecnici il corso assegnerà crediti formativi.

10 Giugno: Dal 1939 la Marina Militare celebra la sua giornata!

20200609 01Anche quest’anno il 10 giugno ricordiamo un’impresa eroica e vittoriosa che cambiò gli equilibri del primo conflitto mondiale.

La Giornata della Marina 2020 sarà celebrata presso Palazzo Marina a Roma, nel rispetto delle precauzioni necessarie per contenere la diffusione del Covid-19 varate dal Governo, in assenza di pubblico.

Rimani sintonizzato sui nostri canali social perché saranno diversi i contenuti che ti porteranno dentro le emozioni di questo speciale giorno già da oggi.

Fra questi una imperdibile visita virtuale a bordo di nave Vespucci in diretta sulla nostra pagina Facebook (Marina Militare) il 10 giugno a partire dalle ore 1700.

Leggi tutto: 10 Giugno: Dal 1939 la Marina Militare celebra la sua giornata!

Roberto Lacorte è l'Armatore-Timoniere dell'anno

20200609 53Roberto Lacorte, 51 anni, imprenditore di successo nel ramo della farmaceutica con l'azienda PharmaNutra SPA fondata con il fratello Andrea e appassionato sportivo diviso tra vela e motorsport, si è aggiudicato il premio di Armatore-Timoniere dell'Anno assegnato nell'ambito del Velista dell'Anno FIV, gli Oscar della Vela 2019 organizzati da Acciari Consulting insieme a Federazione Italiana Vela e ai partner Confindustria Nautica e Mercedes-Benz Vans.
La premiazione si è svolta nel pomeriggio, in forma virtuale, con un collegamento streaming a cui erano presenti anche il Presidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre e il Segretario Generale del CONI Carlo Mornati.
"Sono stato in lizza più volte per questo importantissimo premio e finalmente è arrivata anche la vittoria, che in qualche modo rappresenta la conclusione di un ciclo iniziato cinque anni con il varo di SuperNikka e con la prima, magnifica vittoria alla 151 Miglia 2015", ha dichiarato Lacorte, che ai successi in barca a vela, affianca una carriera di tutto rispetto nell'ambito del motorsport, con tre partecipazioni consecutive alle ultime tre edizioni della celebre 24 ore di Le Mans (in top 10 nel 2017) e l'attuale impegno nel Campionato Mondiale Endurance FIA WEC con il team Cetilar Racing.

Un impegno a cui Lacorte è pronto ad affiancare una nuova sfida velica, il circuito di regate del "monotipo volante" 69F, una barca di quasi 7 metri di lunghezza per tre persone di equipaggio, super invelata e dotata di foil per raggiungere prestazioni sbalorditive. Una sorta di piccola Formula 1 del mare, che potrà contare su un circuito di regate esclusivo con tappe sul lago di Garda (14-19 luglio e 14-19 settembre), a Trieste (29 settembre-4 ottobre) e in una location ancora definire (10-15 novembre).

In allegato un comunicato stampa, cinque foto di Fabio Taccola (libere da diritti per uso editoriale, credito obbligatorio) e due rendering dei nuovi 69F Flying Nikka.

Salone Nautico e Barcolana

20200609 51FIV, Confindustria Nautica, Salone Nautico e Barcolana, collaborazione tra Genova e Trieste
Condiviso un progetto di sinergia e di collaborazione per un "grande ottobre della vela"
3 giugno 2020
Insieme per dare visibilità alla nautica italiana nel mondo. Federazione Italiana Vela, Barcolana e Salone Nautico di Genova stanno lavorando in sinergia in vista di un eccezionale ottobre per la nautica e la vela italiana. Nella prima parte di ottobre, infatti, Salone Nautico e Barcolana porteranno l'attenzione degli appassionati su Genova e Trieste, in un ideale passaggio di testimone tra le due manifestazioni, che grazie alla FIV - che ha promosso nei giorni scorsi un incontro tra i vertici dei due eventi – rilanciano la propria, ormai storica partnership, e, in questo anno particolare, propongono una nuova strategia per una comune promozione internazionale dell'economia del mare "made in Italy". Promuovere assieme, al di fuori dell'Italia, due eccellenze italiane è infatti il fulcro dell'accordo, che consentirà di mantenere alta l'attenzione sul settore e sviluppare un'immagine sinergica tra i due grandi eventi che rappresentano l'Italia del mare nel mondo.
Nell'incontro promosso dal presidente della FIV, Francesco Ettorre, nel quale è stata rilevata l'eccezionalità del momento seguente all'emergenza sanitaria, è stato scelto di focalizzare l'attenzione sulla necessità di sfruttare al massimo le sinergie tra i due eventi creando e valorizzando la continuità che si è venuta a creare nel 2020, soprattutto in chiave internazionale.
All'incontro con il Presidente FIV Ettorre, hanno partecipato: il Direttore Generale di Confindustria Nautica Marina Stella, il Direttore Commerciale del Salone Nautico Alessandro Campagna, il Presidente del settore Vela di Confindustria Nautica Fabio Planamente, il Presidente di Barcolana Mitja Gialuz, il responsabile internazionale di Barcolana Dean Bassi, e il consigliere responsabile del settore Altomare FIV Donatello Mellina.
Dal clima cordiale e fattivo sono emerse anche altre possibili forme di sinergia, su aspetti chiave dei due appuntamenti che hanno forte attrattiva sul pubblico. Si è parlato di promozione e comunicazione, ma anche della ricerca di possibili economie di scala, attraverso il lavoro comune e lo sviluppo di iniziative trasversali tra i due eventi. Saranno in particolare promossi scambi di know-how tra le organizzazioni, già dalla condivisione delle consulenze dei rispettivi esperti tecnico-scientifici per trovare la miglior applicazione delle norme "anti-covid" e la gestione del distanziamento sociale nei rispettivi grandi eventi.
Quanto emerso nell'incontro sarà poi sviluppato in tavoli operativi nelle prossime settimane, che coinvolgeranno Federvela, Confindustria Nautica, I Saloni Nautici e Barcolana.

LE DICHIARAZIONI
Francesco Ettorre, Presidente FIV: "Ringrazio tutti i presenti e sono felice della partecipazione e del successo della nostra iniziativa. Per noi il Salone e la Barcolana sono due tra i momenti più importanti per lo sviluppo del settore, è decisivo capitalizzarli, metterli insieme, creare una doppia velocità che aiuti la voglia di ripartire che abbiamo tutti. La mia idea è stata condivisa da tutto il Consiglio Federale, del resto FIV da sempre ha una presenza da protagonista sia al Salone nautico che alla Barcolana, due grandi eventi che adesso potranno integrarsi e spingersi a vicenda."
Donatello Mellina, Consigliere FIV responsabile Altomare: "Grazie a tutti per aver condiviso l'importanza di collaborare. È un bel segnale di buon senso e disponibilità, oggi i risultati si raggiungono solo mettendosi insieme."
Marina Stella, Direttore Generale Confindustria Nautica: "Confermo la volontà di Confindustria Nautica di consolidare la sinergia tra due grandi eventi del mare. Questo è del resto insito nella stessa mission della nostra Associazione, e non può essere diversamente, ossia la promozione della nautica e della cultura del mare. La data del Salone è stata una decisione condivisa dopo attente riflessioni con i cantieri, data la necessità di recuperare il ciclo di produzione e consegna interrottosi a marzo a causa dell'emergenza sanitaria, con una opzione di allungamento in caso di inasprimento delle misure di distanziamento. Grazie alla collocazione nel mese di ottobre, si apre quindi una importante opportunità per elaborare nuove ed efficaci iniziative di collaborazione e di valorizzazione dei due eventi."
Mitja Gialuz, Presidente di Barcolana: "Insieme, per promuovere nel grande pubblico la nautica Made in Italy e la nautica in Italia. È questo il grande punto in comune tra Salone Nautico e Barcolana, e ringrazio il presidente della Federazione Italiana Vela, Francesco Ettorre per averlo sottolineato e per aver promosso un importante incontro. La situazione che stiamo vivendo ci ha spinti a porre le basi per sviluppare una nuova strategia di forte e inedita collaborazione su molti versanti tra le due grandi capitali italiane della vela, Genova e Trieste: facendo sistema. Con questo accordo, che considero eccezionale, anche nel senso che auspichiamo tutti di poter tornare alla normalità nel 2021, abbiamo scelto di mettere in primo piano gli interessi di tutto il mondo della nautica e della vela in particolare, creando una piattaforma comune e un'immagine coesa nella promozione internazionale".
Fabio Planamente, Presidente settore Vela di Confindustria Nautica: "Come associazione ci stiamo confrontando con le tante diverse realtà che compongono la nautica e non è facile accontentare tutti. Le date conferiscono una bella continuità a Salone Nautico e Barcolana. Adesso con le due organizzazioni dovremo fare voce unica con le istituzioni, chiedendo chiarezza in tempi brevissimi sulle regole e le linee guida da seguire nei due eventi."
Alessandro Campagna, Direttore Commerciale Salone Nautico Genova: "Ringrazio anch'io tutti per l'incontro e la disponibilità. Oggi tutto cambia velocemente e dobbiamo essere pronti ad adattarci. Accolgo l'invito a condividere le conoscenze, gli strumenti e le idee, in particolare a ricercare la possibilità di realizzare economie di scala. Adesso dovremo essere operativi, nei rispettivi ruoli e competenze."
Dean Bassi, responsabile internazionale di Barcolana: "Le attività del Salone e di Barcolana sono complementari, da questo è possibile trarre beneficio, diventare in qualche modo un unico evento diffuso, fare rete per amplificare la comunicazione sul made in Italy della Nautica, sulle destinazioni nautiche italiane."

Marco Gradoni vince il premio Velista dell'Anno FIV 2019

20200609 52La 26ma edizione delVelista dell'Anno FIV organizzata da Acciari Consulting con la Federazione Italiana Vela in veste di partner istituzionale, con il patrocinio e supporto di Confindustria Nautica e di Mercedes-Benz Vans come partner tecnico, ha celebrato oggi, giovedì 28 maggio 2020, i suoi campioni 2019 in una versione inedita organizzata completamente in streaming video, in linea con le tendenze dal periodo indotte dalla pandemia globale.
La diretta online dell'evento ha preso il via dalla sala Giunta del Palazzo del CONI a Roma alle 18.15 alla presenza di Alberto Acciari, ideatore e organizzatore del premio, delPresidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre, del Segretario Generale del Coni, Carlo Mornati, membro della Giuria del Premio e della campionessa Olimpica Alessandra Sensini direttore tecnico giovanile Nazionale della Federazione Italiana Vela. Gli ospiti sono stati raggiunti dal Presidente del CONI Giovanni Malagò per il saluto istituzionale che ha aperto la cerimonia di premiazione. Presenti virtualmente con un collegamento in teleconferenza i finalisti delle tre categorie, i partner, i membri del Consiglio Federale FIV e un ospite d'onore Max Sirena, Team Director & Skipper del Luna Rossa Prada Pirelli Team. La diretta streaming della 26ma edizione del Velista dell'Anno FIV è stata trasmessa contemporaneamente su oltre 20 piattaforme Social, tra i quali quelle istituzionali della Federazione Italiana Vela, delle testate partner e degli sponsor.

Leggi tutto: Marco Gradoni vince il premio Velista dell'Anno FIV 2019

VELA OLIMPICA, RIPARTE LA CORSA

20200601 05Mercoledì 10 giugno la Diretta social del DT Michele Marchesini

Appuntamento su Facebook e Youtube mercoledi 10 giugno alle ore 18:30: come partecipare e seguire -

I TEMI: Cosa hanno fatto i velisti azzurri durante il lockdown;

La ripresa dei Raduni di preparazione della squadra azzurra della vela e i protocolli di sicurezza sanitaria;

Il programma di giugno e luglio sul Lago di Garda;

Come riparte la preparazione olimpica e come cambiano il calendario internazionale, le qualifiche e le selezioni.

La Federvela ha indetto una video-conferenza stampa in diretta social del DT delle squadre nazionali della Vela Olimpica, Michele Marchesini, il giorno mercoledi 10 giugno alle 18:30.

L'incontro servirà a fornire tutti gli aggiornamenti sulle attività della squadra, dall'intenso e particolare lavoro

Leggi tutto: VELA OLIMPICA, RIPARTE LA CORSA

free joomla templatesjoomla templates
2020  Voglia di Vela   designed by Davide Casadio